Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Muore a 26 anni dopo essere stato legato a letto per 3 giorni nel reparto psichiatrico del San Camillo di Roma

Immagine di copertina

Sette persone morte di detenzione amministrativa in 2 anni: in Italia c’è un problema grave che riguarda i Cpr, e la storia di Wissen Ben Abdel Latif ne è solo l’ultimo esempio. Latif aveva 26 anni era arrivato in Italia con un barcone dalla Tunisia a ottobre. Da Augusta, in Sicilia, era stato trasferito su una nave quarantena poi – senza poter richiedere protezione internazionale – era stato inviato in direttissima al Cpr di Ponte Galeria. A ricostruire gli eventi è la campagna LasciateCIEntrare. Dal Cpr di Ponte Galeria Latif era stato trasferito all’ospedale San Camillo per presunti disturbi psichiatrici, dove è morto il 28 novembre scorso.

Il 26enne è stato legato per braccia e gambe per giorni. “Dalla documentazione che abbiamo visionato risulta che il giovane tunisino era affetto da problemi psichiatrici e che il 23 novembre, a seguito di una richiesta da parte della Asl finalizzata all’approfondimento della valutazione psichiatrica, è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale Grassi”, scrive in una nota Alessandro Capriccioli che ieri è entrato nel Cpr di Ponte Galeria insieme al Garante regionale dei diritti delle persone private della libertà personale. “Da qui, dopo due giorni, il giovane è stato trasferito al Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (Spdc) dell’ospedale San Camillo, in cui risulta essere stato sottoposto a contenzione, tutti i giorni fino al 27, anche se non è specificato con quali tempistiche. Infine, il 28 novembre è deceduto per “arresto cardiocircolatorio”.

I familiari confermano che il ragazzo quando è partito per attraversare il Mediterraneo stava bene fisicamente, non aveva malattie croniche e non aveva mai manifestato disturbi psichici. Quando sono sorti? Chi ha disposto il ricovero e su quali basi? Sono le domande che si potene la giurista e attivista Federica Borlizzi: “Se Abdel stava bene non doveva per nulla essere ritenuto idoneo al trattenimento e, di conseguenza, non avrebbe dovuto fare ingresso nel Cpr di Ponte Galeria. Ma, soprattutto, perché sono passati 5 giorni prima di sapere che Abdel era morto in un reparto di psichiatria, in cui era stato sottoposto per giorni a contenzione?”.

Ora la richiesta di verità e giustizia per Wissem Ben Abdel Latif si fa pressante: ad occuparsene anche Majdi Karbai, deputato del parlamento tunisino eletto in Italia nella circoscrizione esteri con il partito di sinistra Attayar. Richiesta rilanciata dal garante nazionale per i detenuti Mauro Palma, su mobilitazione del garante laziale, Stefano Anastasia, e di Alessandro Capriccioli, consigliere regionale di Radicali/+Europa. In queste ore non sono mancate mobilitazioni sotto l’ambasciata italiana a Tunisi e la procura di Roma ha aperto un’inchiesta.

La mamma di Latif, intervistata da Repubblica, racconta anche di pestaggi al Cpr: “L’ultima volta che io e mio marito l’abbiamo sentito è stato 15 giorni fa, poco prima che morisse. A me diceva che era tutto a posto, a mio nipote invece aveva confidato che la situazione dentro il Centro per il rimpatrio dove si trovava era brutta, che aveva subito aggressioni verbali e fisiche. Una volta lo hanno spogliato e lo hanno lasciato in canottiera e pantaloncini”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 228.179 casi e 434 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Lo studio: “Se tutti gli italiani si fossero vaccinati ci sarebbero stati 1.200 morti in meno”
Cronaca / Sassari, iniettata aria al posto dei vaccini: paura per 20 pazienti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 228.179 casi e 434 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Lo studio: “Se tutti gli italiani si fossero vaccinati ci sarebbero stati 1.200 morti in meno”
Cronaca / Sassari, iniettata aria al posto dei vaccini: paura per 20 pazienti
Cronaca / Stretto di Messina, i no pass restano ancora bloccati (e spuntano gli scafisti)
Cronaca / Studentessa Usa denuncia stupro a Roma: “Bloccata per ore in un letto”
Cronaca / Beppe Grillo indagato a Milano per traffico di influenze illecite: nel mirino i contratti pubblicitari con la Moby
Cronaca / Francesca Amadori licenziata per le assenze ingiustificate: “Non lavorava da inizio dicembre”
Cronaca / Green pass, dalle tabaccherie alle librerie: dove è obbligatorio e dove no
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana