Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Morta di tumore a 13 anni, il sogno della madre: “Vorrei il suo ultimo tema”

Immagine di copertina
Facebook

Morta di tumore a 13 anni, il sogno della madre: “Vorrei il suo ultimo tema”

“C’è questo tema che vorrei recuperare ma finora i tentativi con la scuola si sono arenati”. È l’appello lanciato sui social da Sabrina Bergonzoni, madre di Eleonora morta di tumore nel 2018, quando aveva solo 13 anni. Pochi mesi prima della tragica scomparsa, aveva sostenuto da privatista il test di ammissione alla terza media. “Abbiamo preso tutti gli antidolorifici, speriamo che il braccio regga. La stimo e l’amo ogni giorno”, aveva scritto la madre quel 28 maggio 2018, quando aveva accompagnato Eleonora alla scuola per svolgere il tema. Un anno prima alla ragazza era stato diagnosticato un osteosarcoma, un tumore primario dell’osso, che l’aveva costretta a frequentare la seconda media da casa e dall’ospedale Rizzoli di Bologna, mentre si sottoponeva a interventi chirurgici e terapie.

“Le mie attese in auto, i suoi antidolorifici, un sole che racchiudeva false promesse di gioiose giornate estive che a 13 anni hanno il sapore di futuro e a 46 anni con una figlia malata ricorda solo il dolore per quel futuro perso”, ha ricordato su Facebook la madre, a quattro anni da quando accompagnò la figlia a sostenere quell’esame. Da allora ha tentato a più riprese a recuperare il tema che aveva scritto quel giorno: una semplice richiesta che si è rivelata difficile da soddisfare.

“Ci sono delle leggi, c’è il diritto amministrativo, le procedure…ok…ma se un genitore chiama e ti racconta un dramma potrebbe esserci qualcuno che ti indichi la procedura invece di indicarti di inviare una mail a qualcuno che non risponderà? Ed è mai possibile che se non usi Pec o raccomandate ci si senta in diritto di ignorare una richiesta?”, ha scritto la donna in un nuovo post su Facebook, in cui ha commentato un articolo pubblicato dall’edizione bolognese de Il Corriere della Sera sul suo caso  “Noi genitori di ragazzi con malattie gravi siamo abituati ai muri di gomma. Questo vi assicuro non è dei peggiori che ho sperimentato”, ha continuato. “Cara Eleonora, magari nel tema ci hai mandato tutti a quel paese, ne avresti avuto tutte le ragioni”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Cronaca / A Torino la prima laurea nel Metaverso: Edoardo all’esame dal vivo e con l’avatar
Cronaca / Iscritta all’università da 18 anni senza laurearsi, il giudice: “Stop ai soldi del padre”
Cronaca / Covid, aumentano i casi e i ricoveri. Speranza: “Mascherine raccomandate, in autunno vaccino per le varianti”
Cronaca / Bambina di cinque anni ascolta la voce di Gigi D’Alessio e si risveglia dal coma
Cronaca / Saldi estivi 2022: il calendario regione per regione. Date, inizio
Cronaca / Salva moglie e figli in mare ma ha un infarto: muore papà eroe
Cronaca / Venezia, si entra su prenotazione: da agosto la sperimentazione. Nel 2023 arriva il ticket