Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Molise, sfilata di ambulanze nella notte: 18 anziani positivi al Covid-19 trasferiti in un ospedale che non ha la terapia intensiva

Una fila che sembra interminabile di ambulanze, con le sirene accese, seguita da un pulmino ad alto biocontenimento. È l’immagine dura, quasi surreale che è apparsa ieri sera agli occhi dei molisani. Chissà cosa pensano. Presi e spostati come dei pacchi, di notte, come fossero pericolosi criminali. Sono i 18 anziani positivi al Covid-19 ma asintomatici di due case di riposo del Molise, Cercemaggiore e Agnone, in provincia di Campobasso. Adesso sono in carico alla Asrem (l’Azienda sanitaria della Regione Molise): essendo queste persone asintomatiche, però, l’Azienda non può predisporne il ricovero e quindi ha deciso di “posizionarli” all’interno dell’ospedale Santissimo Rosario di Venafro, come se questa struttura fosse una RSA.

Qual è il problema, vi chiederete? C’è qualcosa che non torna: innanzitutto l’ospedale di Venafro è in parte operativo con la radiologia, l’ambulatorio analisi, l’udi, la riabilitazione e la dialisi, ma non dispone di un reparto di rianimazione (lo aveva, ma circa un paio di anni fa tutti i macchinari sono stati portati all’ospedale di Isernia). Inoltre il trasferimento degli anziani positivi è avvenuto senza predisporre nessun percorso Covid e con un trasporto effettuato con delle semplici barelle.

molise covid-19

E allora perché questa scelta? Perché spostare delle persone anziane positive al Covid-19 senza nessuna organizzazione a monte e in una struttura, l’ospedale di Venafro, non dotata del reparto di rianimazione? Senza contare il fatto che Venafro è una zona blindata, grazie ad un provvedimento, il 17/2020, che – in aggiunta alle misure statali, regionali e commissariali di contenimento del rischio di diffusione del virus già vigenti – ha obbligato le persone residenti e/o dimoranti a dotarsi e utilizzare idonea mascherina durante tutta la loro permanenza al di fuori del proprio territorio, nel caso siano legittimate ad uscire.

Il personale sanitario dell’ospedale Santissimo Rosario di Venafro, ha provato a ribellarsi a questo stato di cose, soprattutto durante l’arrivo degli anziani positivi. Parte dei venafrani ha provato a reagire affidando il proprio dissenso ai social. Nulla di tutto ciò è servito però a cambiare il percorso di quanto deciso dalla politica molisana.

A cura di Valentina Niro

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.099 casi e 44 morti: tasso di positività all'1%
Cronaca / Regeni, commissione d’inchiesta in missione a Cambridge
Cronaca / Covid, oggi 3.525 casi e 50 morti: tasso di positività all'1%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.099 casi e 44 morti: tasso di positività all'1%
Cronaca / Regeni, commissione d’inchiesta in missione a Cambridge
Cronaca / Covid, oggi 3.525 casi e 50 morti: tasso di positività all'1%
Cronaca / 3.797 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Trovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso una settimana fa a Milano
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Cronaca / Rilasciato l’ex presidente catalano Puigdemont: era stato arrestato in Sardegna
Cronaca / È arrivato il numero 2 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 4.061 nuovi casi e 63 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Draghi all’assemblea di Confindustria: “Il green pass è strumento di libertà, no a nuove tasse”