Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Molestie adunata alpini, pm chiede l’archiviazione: “Difficile identificare i colpevoli”

Immagine di copertina

La Procura di Rimini ha chiesto l’archiviazione delle indagini sulle molestie denunciate all’adunata nazionale degli alpini a Rimini. A confermarlo è il procuratore capo Elisabetta Melotti. La denuncia – l’unica formale – era stata presentata da una ragazza riminese di 26 anni, due mesi fa. Durante questo periodo, dal 7 maggio, infatti, non è stato possibile identificare i presunti autori delle molestie. Questo ha fatto sì che la procura chiedesse l’archiviazione. A causa, infatti, della grande quantità di persone presenti e della limitata copertura delle videocamere di sorveglianza, l’identificazione dei colpevoli è risultata essere complicata. In quei giorni – dal 5 all’8 maggio – erano presenti circa 400mila alpini.

L’avvocata della ragazza non è stupita della richiesta di archiviazione: “Nella denuncia abbiamo dato tutti i dati in nostro possesso ma è ovvio che tra tante persone presenti quel giorno in piazza a Rimini identificare i tre autori è un’impresa alquanto difficile – ha detto la legale – Restiamo convinti che la denuncia era doverosa perché non si è trattato di un semplice apprezzamento, ma la mia cliente è stata strattonata e tirata. Le hanno messo le mani addosso. Come ho già detto è stato doveroso esercitare il diritto, quello di denunciare una condotta molesta. Nulla quindi contro il corpo degli Alpini”.

La ragazza sui social aveva fatto un appello che è stato poi raccolto dall’associazione “Non una di meno – Rimini”. Le segnalazioni raccolte durante l’adunata degli alpini a Rimini erano state centinaia.

Il presidente dell’Associazione nazionale alpini, Sebastiano Favero, ha commentato la richiesta di archiviazione e all’Adnkronos ha detto: “Con grande amarezza dico che invece di generalizzare su un’intera associazione che ha dimostrato in tutti questi anni i suoi valori e i suoi ideali bisognerebbe essere più cauti. Invece, purtroppo, si sparano sentenze senza avere alcuna prova e poi non si ha neanche il coraggio di chiedere scusa”.

 

 

Ti potrebbe interessare
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Ti potrebbe interessare
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"
Cronaca / Esplosione alla centrale idroelettrica della diga di Suviana: tre morti, tre feriti gravi e sei dispersi