Ragusa, il Commissariato di Polizia in un immobile della mafia: il Ministero dell’Interno paga 105mila euro l’anno di affitto

Di Donato De Sena
Pubblicato il 15 Lug. 2019 alle 11:52
1
Immagine di copertina

Vittoria (Ragusa), il Ministero dell’Interno e l’affitto alla mafia per l’immobile del Commissariato

MINISTERO INTERNO MAFIA AFFITTO COMMISSARIATO – Il Ministero dell’Interno paga alla mafia l’affitto di un commissariato. A sua insaputa, ovviamente. Una situazione surreale che è emersa in Sicilia, in provincia di Ragusa. Nell’ambito del sequestro dei beni di una famiglia mafiosa, la Guardia di Finanza ieri ha sequestrato l’immobile che ospita il commissariato della Polizia di Stato di Vittoria.

Commissariato di Polizia nell’immobile della mafia, il Ministero dell’Interno pagava 105mila euro d’affitto

Il sequestro riguardava in particolare i beni della famiglia Luca di Gela, Caltanissetta. La proprietà dell’immobile per una quota parte del 50 per cento risulta essere di Rocco Luca, figlio di Salvatore, finito in carcere assieme allo zio perché indagati con accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. L’affitto che il Ministero dell’Interno ogni anno paga ai proprietari dell’immobile è di 105mila euro.

I Luca, a cui fa capo il gruppo Lucauto di Gela, sarebbero subentrati al 50 per cento nella proprietà dell’immobile dopo che lo stesso era stato posto in vendita all’asta dal Tribunale di Ragusa nel 2012. La rimanente parte dell’edificio è di un commerciante di Vittoria.

> Le notizie di cronaca di TPI

Rocco Luca è stato arrestato, il primo luglio, insieme al padre Salvatore e allo zio Francesco Antonio con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e riciclaggio di proventi illeciti per circa un miliardo di lire che, sin dagli anni ’90, sarebbero stati loro forniti dalla famiglia dei Rinzivillo di Cosa Nostra.

A fare i nomi della famiglia Luca sarebbero stati alcuni collaboratori di giustizia. I contatti dei Luca con la criminalità organizzata si sarebbero poi estesi ad alcune famiglie mafiose di Catania, come i Mazzei, i Carateddi ed i Santapaola.

Le indagini del Gico (Gruppo d’investigazione sulla criminalità organizzata) di Caltanissetta della Guardia di Finanza hanno trovato conferme alle rivelazioni dei pentiti e accertato il sistema “money laundering” (lavaggio del denaro sporco) attraverso spostamenti di capitali tra i conti dei vari componenti della famiglia e delle imprese che avevano avviato, ma anche tramite “scontrini vincenti” del gioco del lotto.

Un funzionario di polizia, in servizio a Gela, poi a Caltanissetta e ad Agrigento, sarebbe stato una sorta di “talpa” al servizio dei Luca.

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.