Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”

Immagine di copertina

Da “assessore” ad “assessora”. Un cambio della targa del proprio ufficio non solo simbolico, ma che rappresenta una vera e propria battaglia linguistica. Ha fatto il giro del web, scatenando anche qualche polemica, la foto che ritrae Gaia Romani, assessora ai Servizi Civili e Generali del comune di Milano, dopo la sostituzione sulla porta dell’ufficio con la declinazione al femminile del suo ruolo.

“Ho chiesto di sostituire la targa sulla porta del mio ufficio perché il cambiamento parte dalle piccole azioni. È un messaggio a cui tengo molto e quindi eccoci qui, pezzo per pezzo”, ha scritto Romani sul suo profilo Facebook. Un gesto condiviso e apprezzato da molti, ma che ha suscitato anche sarcasmo e critiche. “Mi sembra un’immane sciocchezza”, taglia corto un utente, “state sventrando la lingua italiana”, rincara la dose un altro, “conta la sostanza e non la targhetta sulla porta”, chiosa qualcuno.

Tra i commenti favorevoli c’è chi ricorda: “Perché assessora non va bene e invece maestra sì? Dottoressa va bene oggi, ma prima non si usava. Perché donna delle pulizie va bene e ingegnera no?”. Anche Laura Boldrini ha commentato positivamente la vicenda: “Brava Gaia, il linguaggio è sostanza!”. Intervistata da Fanpage, l’assessora Romani ha commentato: “Mi aspettavo critiche, ma devo dire che sono molto più sorpresa dal sostegno che sto ricevendo. La battaglia linguistica non viene mai colta come una priorità, io invece credo sia il punto di partenza per un reale processo di inclusione. A quelli che fanno benaltrismo o pensano che non siano quisquilie, rispondo che andrò avanti con ancora più convinzione. Perché la strada è quella giusta e sono contenta di non essere sola”.

Leggi anche: L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”