Me

Migranti: 38 persone sbarcate a Lampedusa, salvate dalla Guardia costiera. E intanto la Sea Watch torna in mare

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 9 Giu. 2019 alle 19:35 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:36
Immagine di copertina

Migranti: 38 persone arrivate a Lampedusa trainate dalla Guardia costiera

Migranti sbarcati Lampedusa trainati Guardia costiera – Una piccola imbarcazione con a bordo trentotto migranti è stata intercettata nel pomeriggio di domenica 9 giugno a poche miglia da Lampedusa dalla Guardia costiera italiana, che, dopo aver rimorchiato il barchino lo ha condotto nel porto dell’isola siciliana.

A bordo dell’imbarcazione, partita dalla Libia e forse trainata nei pressi di Lampedusa da una barca più grande, vi erano 20 uomini, 17 donne a una bambina.

Provenienti da Costa d’Avorio, Guinea e Tunisia, ai migranti, una volta a terra, è stata fornita assistenza medica. Alcuni di loro, infatti, erano disidratati per la lunga permanenza in mare.

In particolare, le condizioni di una donna sono giudicate molto serie.

Con l’arrivo della bella stagione, si moltiplicano gli arrivi dei migranti a bordo di piccole imbarcazioni.

Già questa mattina, infatti, 53 persone erano state tratte in salvo al largo di Isola Capo Rizzuto, nel crotonese, da due unità navali della Guardia di finanza.

I migranti, di nazionalità pakistana, erano a bordo di un monoalbero di circa 15 metri.

Il giorno precedente, sempre nel reggino, erano state soccorse 60 persone, sbarcate poi a Roccella Jonica.

Nella serata di venerdì 7 giugno, invece, era stata la volta di altri 21 migranti, sbarcati a Lampedusa dopo essere stati scortati dalla Guardia costiera.

Lo stesso giorno, a Pozzallo, era arrivata la nave commerciale italiana Asso 25, che aveva recuperato 62 persone nella sera del 6 giugno.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Nonostante il ministro dell’Interno Matteo Salvini abbia dichiarato che “gli sbarchi si sono ridotti del 90 per cento”, gli arrivi dalla Libia continuano a non arrestarsi.

Migranti: 38 persone arrivate a Lampedusa trainate dalla Guardia costiera | Sea Watch

E proprio oggi, la Sea Watch ha annunciato di aver lasciato il porto di Licata per raggiungere l’area Sar, rimasta senza nessuna nave civile di soccorso per tre settimane.

La Ong era stato al centro dei fatti di cronaca lo scorso 15 maggio quando l’imbarcazione Sea Watch 3 aveva soccorso 65 migranti in difficoltà al largo della Libia.

Nonostante il divieto del ministro dell’Interno Matteo Salvini a entrare in acque italiane, la nave, il 19 maggio, era arrivata nel porto di Lampedusa, dove era stata sequestrata dalla Procura di Agrigento.

Il 1 giugno la nave è stata dissequestrata così come confermato anche dalla portavoce della Ong Giorgia Linardi.

Dentro il Rojava, guerra di Siria