Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Mantova, sindaco di centrodestra vieta ad una scuola di suonare “Bella ciao” in occasione del 25 aprile: “È troppo divisiva”

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Mantova, sindaco di centrodestra vieta “Bella ciao” in occasione del 25 aprile

Mauro Morandi, sindaco di centrodestra di Medole, in provincia di Mantova, vieta ad alcuni ragazzi di una scuola media di suonare “Bella ciao” in occasione delle celebrazioni del 25 aprile perché “troppo divisiva”.

A raccontare la vicenda è la Gazzetta di Mantova, secondo cui la vicenda ha avuto inizio qualche mese fa quando l’amministrazione comunale ha chiesto all’Istituto comprensivo di partecipare alle celebrazioni della Festa della Liberazione.

La scuola aveva inizialmente aderito con tutti i suoi alunni di materne, elementari e medie, salvo poi decidere di partecipare con solo i 140 alunni delle medie.

Il problema, tuttavia, è nato quando la scuola ha fornito il programma delle esibizioni al Comune con i ragazzi che avrebbero dovuto suonare l’Inno di Mameli e “Bella ciao”.

“Per il primo nessun problema, per il secondo no, è troppo divisivo” ha risposto il sindaco una volta scoperto il programma delle esibizioni.

La richiesta del sindaco ha convinto la scuola a ritirare la sua partecipazione e scatenato le proteste dell’Anpi, che sarà comunque in piazza per le celebrazioni, e del comitato antifascista Mantova per Stazzema.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 19.666 casi e 105 morti: il bollettino del 27 maggio 2022
Cronaca / Al ristorante senza pagare: “Siamo Casamonica”. Tre esponenti arrestati per estorsione
Cronaca / Lavoro h24: “Che il diritto salariale delle casalinghe sia fissato per legge”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 19.666 casi e 105 morti: il bollettino del 27 maggio 2022
Cronaca / Al ristorante senza pagare: “Siamo Casamonica”. Tre esponenti arrestati per estorsione
Cronaca / Lavoro h24: “Che il diritto salariale delle casalinghe sia fissato per legge”
Cronaca / Neonata ricoverata per emorragia cerebrale: risultata positiva alla cocaina
Cronaca / Vaiolo delle scimmie: ecco tutto quello che c’è da sapere
Cronaca / Rogo a Stromboli, Ambra Angiolini: “Sono qui a dare una mano, non è stata una notte facile”
Cronaca / Violante Guidotti Bentivoglio e la leucemia: “Salva grazie al midollo di un ragazzo di 19 anni”
Cronaca / Bnl scarica i disabili: così la banca di Telethon si disfa di 200 lavoratori fragili
Cronaca / Caracciolo a TPI: “A Est guardano la storia, noi l’abbiamo dimenticata. Biden? Pensa alle elezioni”
Cronaca / La colf fa causa a Gianluca Vacchi: “Costretta a ballare a tempo per i suoi Tik Tok altrimenti si arrabbiava”