Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Mantova, pestaggio in un parcheggio con spranghe e mazze da baseball: 35enne e 23enne in coma

Immagine di copertina

Un gravissimo pestaggio si è consumato nella notte tra giovedì 1 luglio e venerdì 2, quando un 35enne mantovano e un 23enne di nazionalità albanese sono stati accerchiati dal branco nel parcheggio del centro commerciale La Favorita, alle porte di Mantova.

I due sono stati ricoverati in gravissime condizioni nel reparto di rianimazione dell’ospedale Carlo Poma di Mantova dopo l’aggressione. Il 23enne è in condizioni disperate: ieri ha subito due interventi chirurgici e non è escluso che oggi si il personale medico proceda a staccare le macchine con le quali il giovane è tenuto in vita. Il 35enne pure versa in condizioni gravissime, ma per lui i medici conservano qualche speranza in più.

Al momento dell’arrivo sul luogo dello scontro i carabinieri avevano trovato a terra soltanto l’uomo e il giovane e nessun altro intorno. Nelle vicinanze non sono neppure state trovate delle armi. Sul luogo della rissa i militari hanno trovato, oltre a vistose chiazze di sangue, una mazza da baseball insanguinata e parecchie bottiglie di birra vuote.

Per l’agguato e il conseguente pestaggio, dalle prima indagini, pare siano state usate spranghe in ferro e mazze da baseball. Ma non è noto quante persone abbiano partecipato al sanguinoso scontro. Possibile in ogni caso che si sia trattato di una sorta di regolamento di conti.

Secondo le prime ricostruzioni infatti i due la sera tra giovedì e venerdì si sarebbero dati appuntamento in un bar di Mottella, frazione di San Giorgio Bigarello non molto lontano da dove si è poi verificato l’episodio. Ad un tratto uno dei due avrebbe ricevuto una telefonata da un conoscente con l’obiettivo di darsi appuntamento, poco dopo, proprio nel piazzale del centro commerciale.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Si imbrattano di finto sangue per le vittime di Ischia: il blitz di Ultima Generazione alla Pinacoteca di Bologna
Cronaca / Barcone si ribalta al largo di Lampedusa: tre migranti non riemergono dall’acqua, 40 tratti in salvo
Cronaca / La Prefettura di Bologna mette sotto vigilanza Elly Schlein dopo l’attentato alla sorella
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Si imbrattano di finto sangue per le vittime di Ischia: il blitz di Ultima Generazione alla Pinacoteca di Bologna
Cronaca / Barcone si ribalta al largo di Lampedusa: tre migranti non riemergono dall’acqua, 40 tratti in salvo
Cronaca / La Prefettura di Bologna mette sotto vigilanza Elly Schlein dopo l’attentato alla sorella
Cronaca / Perseguita il sacerdote, 62enne rischia processo per stalking
Cronaca / Covid, in chiesa tornano il segno della pace e le acquasantiere: le nuove regole della Cei
Cronaca / Maurizio Costanzo condannato a un anno: diffamò il gip del caso Gessica Notaro
Cronaca / Auto fuori strada in Umbria, quattro giovani morti
Cronaca / Il tribunale di Roma: “Gli immobili dei tedeschi vanno pignorati per risarcire le vittime del nazismo”
Cronaca / Maria Giovanna Maglie ricoverata: “Sono in ospedale da due mesi, fatemi gli auguri”
Cronaca / Napoli, 13enne disabile picchiata da un gruppo di coetanei per un like a un ragazzo