Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Il mal di testa cronico è una malattia sociale: approvata la legge in Senato

Immagine di copertina
Credits: Pixabay

Il mal di testa cronico è una malattia sociale: approvata la legge in Senato

In Italia sono circa sette milioni i cittadini che soffrono di mal di testa cronico: da oggi, questo esercito silenzioso di persone che soffrono di questo disturbo che diventa invalidante nelle attività quotidiane hanno una tutela in più, visto che la cefalea cronica è diventata malattia sociale. Il Senato, infatti, ha approvato in via definitiva il disegno di legge sulla malattia, presentato dalla deputata della Lega Arianna Lazzarini. La prima firmataria della legge approvata a Palazzo Madama ha espresso tutta la sua soddisfazione “e un pizzico d’orgoglio per questa battaglia intrapresa nel 2011 da consigliere della Regione Veneto e ora vinta in Parlamento”.

“L’Italia – ha continuato Lazzarini – diventa così il primo Paese in Europa ad adottare un provvedimento come questo. Un primo punto di partenza e di attenzione verso i circa sette milioni di italiani che ne soffrono, con una prevalenza netta di donne e nella fascia 20-50 anni. Un segnale concreto che accende i riflettori su questa malattia, affinché i soggetti che ne soffrono non siano più abbandonati a loro stessi e possano finalmente avere una speranza e una nuova dignità di vita. Questa è una malattia invisibile che oggi esce finalmente dal cono d’ombra in cui è sempre stata. Non parliamo del semplice mal di testa passeggero, ma di una malattia cronica e invalidante vera e propria, molto più diffusa di quanto si possa immaginare, che purtroppo ha già portato alcuni pazienti a compiere anche gesti estremi”.

Perché il mal di testa cronico sia riconosciuto come malattia sociale, serve una condizione ben precisa: la cefalea deve essere certificata da almeno un anno, con diagnosi effettuata da uno specialista del settore in un centro accreditato per la diagnosi e la cura delle cefalee. Il testo della legge elenca sei forme di mal di testa invalidanti: emicrania cronica e ad alta frequenza, cefalea cronica quotidiana con o senza uso eccessivo di farmaci analgesici, cefalea a grappolo cronica, emicrania parossistica cronica, cefalea nevralgiforme unilaterale di breve durata con arrossamento oculare e lacrimazione, emicrania continua.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Salerno, accoltella la figlia lesbica insieme alla compagna perché rifiuta la loro relazione: “Così morite insieme”
Cronaca / Salento, la casa-vacanze è da incubo: il wc è in cucina | VIDEO
Cronaca / Blocca il treno dell'alta velocità, scende e lancia sassi sull'autostrada
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Salerno, accoltella la figlia lesbica insieme alla compagna perché rifiuta la loro relazione: “Così morite insieme”
Cronaca / Salento, la casa-vacanze è da incubo: il wc è in cucina | VIDEO
Cronaca / Blocca il treno dell'alta velocità, scende e lancia sassi sull'autostrada
Cronaca / Sardegna, lo stabilimento non ha il Pos, l’influencer chiama la Finanza. Il proprietario: “Tanto sono 30 euro di multa”
Cronaca / Roma, scavano un tunnel sotterraneo, ma uno di loro resta bloccato
Cronaca / Evade dai domiciliari per andare in vacanza a Gallipoli e posta le foto su Instagram: arrestato
Cronaca / Arriva in India e non paga la tassa di soggiorno. Italiano arrestato, rischia 8 anni di carcere
Cronaca / Turiste francesi stuprate a Bari, il pm: “Scene da Arancia Meccanica”
Cronaca / Il geologo Tozzi invita Jovanotti a prendere una birra per discutere del Jova Beach Party
Cronaca / Svizzera, il ministro a Sgarbi: “Le regole sono uguali per tutti. Qui i deputati non hanno auto blu”