Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Brescia, Frecciarossa fermato in stazione: “I due macchinisti erano ubriachi”

Immagine di copertina

AGGIORNAMENTO 29 APRILE – Le ferrovie dello Stato hanno comunicato i provvedimenti. “In relazione alla cancellazione del treno 9604 in partenza da Brescia alle ore 5.17, la stessa è stata disposta da Trenitalia dopo aver accertato la non idoneità dell’equipaggio alla conduzione del treno. Lo stringente e articolato sistema di controlli, predisposto dall’Azienda a garanzia della sicurezza dell’esercizio e dei propri passeggeri, che prevede anche controlli preventivi e a sorpresa sui propri equipaggi, si è rilevato pienamente efficace”.

La nota prosegue: “Nessuno dei 67 passeggeri in partenza da Brescia è stato fatto salire sul treno che è rimasto chiuso e inaccessibile. Tutti i clienti sono stati immediatamente trasferiti con un treno regionale alla stazione di Milano, per poi salire a bordo di un altro treno e raggiungere cosi’ la loro destinazione. Con riferimento allo specifico episodio, mai registratosi in precedenza, Trenitalia verificherà eventuali violazioni da parte dei macchinisti degli obblighi contrattuali e della deontologia professionale e si riserva di adottare tutti i provvedimenti del caso”.

Un brutto risveglio per i passeggeri del treno Frecciarossa in partenza da Brescia nella mattinata del 28 aprile. La corsa identificata con il codice 9604 di Frecciarossa delle ore 5:17, in partenza da Brescia con destinazione Napoli, è stata soppressa perché i due macchinisti alla guida erano ubriachi.

A dichiarare in tempo lo stato di ebrezza dei due uomini è stato il capotreno che, appurando le loro condizioni, ha dovuto immediatamente segnalare l’accaduto. Il capotreno non è riuscito a salire sul convoglio, poiché entrambi i macchinisti non sono stati in grado di aprire le porte. Da qui, la segnalazione alle autorità e il treno fermo in stazione.

Entrambi i macchinisti sono stati sottoposti al test dell’etilometro dagli uomini della Polizia Ferroviaria e della polizia stradale: uno dei due è risultato positivo al test, mentre il secondo ha chiesto l’intervento dei medici del 118.

Il treno è stato fermato nella stazione di Brescia e i 65 passeggeri che avrebbero dovuto viaggiare a bordo di quella vettura sono stati trasferiti in treno fino alla stazione di Milano Centrale, per poi proseguire su un altro treno Frecciarossa fino a Napoli.

Attualmente, le indagini sull’accaduto riguardo i due macchinisti ubriachi sono in corso.

“Siamo terrapiattisti e non paghiamo il biglietto”: a Pavia treno rimane bloccato per quasi un’ora

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mario Cerciello Rega, ergastolo per i due imputati
Cronaca / Covid, 10.585 casi e 267 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / I 150 anni di Dickens all’INPS con la fondazione De Sanctis: Giulio Gambino modera l’incontro con Letta e Tridico
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mario Cerciello Rega, ergastolo per i due imputati
Cronaca / Covid, 10.585 casi e 267 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / I 150 anni di Dickens all’INPS con la fondazione De Sanctis: Giulio Gambino modera l’incontro con Letta e Tridico
Cronaca / Defibrillatori ovunque: la video-petizione di Sammy Basso per approvare il Ddl 1441
Cronaca / Parma, 18enne trovato morto con ferite d'armi da taglio
Cronaca / Nasce Cento Incroci, un centro culturale nei locali dell'ex Pecora Elettrica
Cronaca / Raduno fascista per Ramelli: centinaia di persone fanno il saluto romano | VIDEO
Cronaca / Morgan cade dal monopattino e si frattura due costole: “Colpa di un tombino”
Cronaca / A Busto Arsizio un operaio muore schiacciato da un tornio meccanico
Cronaca / AstraZeneca, 2 milioni di dosi ferme nei frigo delle regioni: al Sud un cittadino su due vuole un altro vaccino