Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Brescia, Frecciarossa fermato in stazione: “I due macchinisti erano ubriachi”

Immagine di copertina

AGGIORNAMENTO 29 APRILE – Le ferrovie dello Stato hanno comunicato i provvedimenti. “In relazione alla cancellazione del treno 9604 in partenza da Brescia alle ore 5.17, la stessa è stata disposta da Trenitalia dopo aver accertato la non idoneità dell’equipaggio alla conduzione del treno. Lo stringente e articolato sistema di controlli, predisposto dall’Azienda a garanzia della sicurezza dell’esercizio e dei propri passeggeri, che prevede anche controlli preventivi e a sorpresa sui propri equipaggi, si è rilevato pienamente efficace”.

La nota prosegue: “Nessuno dei 67 passeggeri in partenza da Brescia è stato fatto salire sul treno che è rimasto chiuso e inaccessibile. Tutti i clienti sono stati immediatamente trasferiti con un treno regionale alla stazione di Milano, per poi salire a bordo di un altro treno e raggiungere cosi’ la loro destinazione. Con riferimento allo specifico episodio, mai registratosi in precedenza, Trenitalia verificherà eventuali violazioni da parte dei macchinisti degli obblighi contrattuali e della deontologia professionale e si riserva di adottare tutti i provvedimenti del caso”.

Un brutto risveglio per i passeggeri del treno Frecciarossa in partenza da Brescia nella mattinata del 28 aprile. La corsa identificata con il codice 9604 di Frecciarossa delle ore 5:17, in partenza da Brescia con destinazione Napoli, è stata soppressa perché i due macchinisti alla guida erano ubriachi.

A dichiarare in tempo lo stato di ebrezza dei due uomini è stato il capotreno che, appurando le loro condizioni, ha dovuto immediatamente segnalare l’accaduto. Il capotreno non è riuscito a salire sul convoglio, poiché entrambi i macchinisti non sono stati in grado di aprire le porte. Da qui, la segnalazione alle autorità e il treno fermo in stazione.

Entrambi i macchinisti sono stati sottoposti al test dell’etilometro dagli uomini della Polizia Ferroviaria e della polizia stradale: uno dei due è risultato positivo al test, mentre il secondo ha chiesto l’intervento dei medici del 118.

Il treno è stato fermato nella stazione di Brescia e i 65 passeggeri che avrebbero dovuto viaggiare a bordo di quella vettura sono stati trasferiti in treno fino alla stazione di Milano Centrale, per poi proseguire su un altro treno Frecciarossa fino a Napoli.

Attualmente, le indagini sull’accaduto riguardo i due macchinisti ubriachi sono in corso.

“Siamo terrapiattisti e non paghiamo il biglietto”: a Pavia treno rimane bloccato per quasi un’ora

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Cronaca / Corteo No Green pass a Milano, un arresto e 83 denunce
Cronaca / Sui binari con le cuffiette, ragazza di 16 anni uccisa dal treno
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Cronaca / Corteo No Green pass a Milano, un arresto e 83 denunce
Cronaca / Sui binari con le cuffiette, ragazza di 16 anni uccisa dal treno
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Cronaca / ESCLUSIVO - Gaia Padovani, primo medico non vedente in Italia: "Mi sto specializzando ma ora vogliono impedirmelo"
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Cronaca / Green pass per lavorare: perché in Italia si e all’estero no