Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

La lettera del papà di Giulia e Alessia, investite dal treno: “Giudizi negativi su di me. Non porto rancore”

Immagine di copertina

Vittorio Pisanu è il papà di Giulia e Alessia, le sorelle investite da un Frecciarossa a Riccione la mattina del 31 luglio, di domenica. A una lettera – che è riportata da Repubblica – ha affidato i suoi pensieri e il suo dolore: “Non porto rancore rispetto all’inconsulto vociare che si è scatenato all’indomani della tragedia che mi ha colpito. Voglio, al contrario, che le mie bimbe non siano morte invano, che questa disgrazia porti a qualcosa di buono, a un bene assoluto. Per tutti”, ha scritto. “Papà rientriamo in treno”, avevano detto nell’ultima telefonata le due ragazze che non avevano nemmeno compiuto 15 e 17 anni. “Non c’è stato un giorno in cui non le abbia accompagnate e riprese da scuola, almeno questo mi rimarrà per sempre, quello che ho vissuto con loro”, ha raccontato Vittorio. Lui è originario della Sardegna, di Senorbì in provincia di Cagliari, ma da ragazzo, insieme al fratello, si è trasferito a Castenaso, in provincia di Bologna, dove ha messo su un’azienda di commercializzazione di scaffali industriali. È tornato a lavorare da pochi giorni perché è la sua “unica salvezza”.

Quell’ultima domenica di luglio, Vittorio non si era sentito bene per questo motivo le ragazze avevano deciso di prendere un treno per tornare a casa dopo una serata in discoteca. Il loro papà viveva per loro: “Andavo sempre a prenderle, tutte quante, prendevo un albergo se necessario quando andavano a ballare in Riviera”. Ma da quel giorno sui social hanno iniziato ad accusarlo di aver lasciato le proprie figlie da sole. Vittorio, però, vuole che da questa tragedia nasca del bene e nella lettera ha rivolto un pensiero a chi ha espresso “giudizi severi” verso di lui. “Sono convinto che ognuno di loro possa trarre insegnamento per la vita che verrà. Vorrei che da questa disgrazia, da questa immensa perdita, si possano trarre nuove energie per plasmarla in amore puro”, ha scritto, con il desiderio che da questa “banalizzazione del male” e dal “cinismo della disperazione” possa crescere l’amore verso il prossimo, perché Giulia e Alessia che chiama “le mie bimbe, le nostre bimbe, i nostri angeli”, non siano morte invano.

E nel raccontare il proprio dolore ha proseguito: “Vivo la sofferenza confortato moralmente e spiritualmente dalle tante persone che quotidianamente hanno inondato me e la mia casa di un’umanità e dolcezza che va oltre misura e immaginazione. Vivo la sofferenza per l’immane tragedia che ha colpito la mia famiglia, e la consapevolezza del nuovo inizio che mi attende, nel fervido desiderio di provare a trasformare l’ingiusto evento in bene assoluto”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incidente durante un’esercitazione: muoiono tre finanzieri del Soccorso alpino
Cronaca / Neonato trovato morto abbandonato sugli scogli, arrestata la nonna: lo ha soffocato
Cronaca / Femminicidio a Padova, 39enne getta la compagna da un cavalcavia sull’A4: arrestato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Incidente durante un’esercitazione: muoiono tre finanzieri del Soccorso alpino
Cronaca / Neonato trovato morto abbandonato sugli scogli, arrestata la nonna: lo ha soffocato
Cronaca / Femminicidio a Padova, 39enne getta la compagna da un cavalcavia sull’A4: arrestato
Cronaca / Neonato trovato morto a Villa San Giovanni, non si esclude la pista della prostituzione minorile
Roma / Inaugurata la prima Newton Room permanente d’Italia all’Aeroporto di Fiumicino
Cronaca / Non raccoglie gli escrementi del suo cane: il sindaco pubblica le immagini sui social e annuncia multa
Cronaca / Aggressione omofoba a Reggio Calabria: arrestati tre giovani
Cronaca / Trovata la madre del neonato morto abbandonato tra gli scogli a Reggio Calabria: ha 13 anni
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Torino un esponente dell’Isis
Cronaca / Impagnatiello: “Andai a pranzo da mia mamma con il cadavere di Giulia nell’auto”