Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Lecco, l’ultimo post del padre che ha strangolato i due figli e poi si è suicidato: “Sempre insieme”

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 27 Giu. 2020 alle 18:46
241
Immagine di copertina

L’ultimo post del padre che ha strangolato figli e si è suicidato: “Sempre insieme”

“Con i miei ragazzi, sempre insieme”: è questo l’ultimo post pubblicato sui social da Mario Bressi, il padre che stamattina a Margno (Lecco) ha strangolato i due figli gemelli di 12 anni e poi si è suicidato buttandosi da un ponte. Il post, una foto che ritrae l’uomo con i due piccoli – tutti sorridenti con alle spalle la montagna e una cappella con una statua della Madonna – scattata in questi giorni passati nella casa delle vacanze della famiglia, è stato pubblicato stanotte, intorno alle 3. Dopo poche ore, intorno alle 7, il 45enne impiegato ha ucciso i suoi figli, secondo i primi rilievi soffocandoli nel sonno e sedandoli prima. Poi ha inviato un SMS alla moglie, da cui si stava separando, con scritto: “Non li rivedrai più”.

bambini strangolati lecco

Da lì, la corsa contro il tempo della donna – Daniela Fumagalli, 45 anni anche lei, dirigente sportiva in un club di Gessate – che ha chiamato subito le forze dell’ordine e poi da Gorgonzola, nel Milanese, è partita per recarsi nell’appartamento a Margno. Una volta giunta sul posto, però, la donna ha trovato i suoi due bambini morti, nei loro letti. Un vicino ha raccontato che la donna, distrutta, ha chiamato aiuto urlando: “Non si svegliano, non si svegliano”. Nel frattempo, il marito si era già recato al ponte della Vittoria a Maggio di Cremeno, a circa 10 chilometri dal luogo del duplice omicidio, e si era lanciato giù.

L’uomo era arrivato nella casa di Margno da circa una settimana con i suoi due figli. Erano tutti appassionati di montagna e trascorrevano spesso le vacanze nell’appartamento nel Lecchese. Ieri, come anche in altri giorni, erano andati in gita ai Piani delle Betulle e alcuni vicini hanno raccontato di averli visti un’ultima volta ieri sera, mentre giocavano in cortile. 

241
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.