Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Bambino morto all’asilo, la proprietaria dell’auto: “Sono sicura di aver inserito la marcia, il freno a mano non ricordo”

Immagine di copertina

Sono sicurissima di aver inserito la marcia, il freno a mano non ricordo. La macchina non era in pendenza ma sulla piazzola prima della discesa”: è la dichiarazione che Radostina Zhorova Balabanova, la donna 38enne di origini bulgare proprietaria dell’auto che ieri si è schiantata nel cortile di un asilo a l’Aquila uccidendo un bambino di cinque anni, ha rilasciato al suo legale Francesco Valentini. “È molto provata, distrutta da una tragedia che non sarebbe legata a una sua imperizia. È scesa dalla Passat che una parente le aveva prestato, ha lasciato il figlio di 12 anni dentro ed è andata a riprendere i due gemellini di 5 anni. In un attimo la tragedia”, ha dichiarato l’avvocato a Repubblica. “Dopo 7 minuti ho visto la mia auto correre verso il giardino”, ha detto la donna. Nei prossimi giorni sarà disposta una perizia sull’auto per capire se qualche problema tecnico sia sopraggiunto nel funzionamento del freno a mano e Balabanova è stata iscritta nel registro degli indagati, ma le sue parole sono state prese per buone.

L’esame dovrà dimostrare il motivo per il quale la macchina si è sfrenata. Le ipotesi sono tre: potrebbe essere stato il 12enne, un errore della mamma che per la fretta ha inserito il freno a mano a motore spento, oppure un guasto tecnico. Intanto, nel corso della giornata dovrebbe essere affidato l’incarico dell’autopsia sul corpo del piccolo Tommaso: solo dopo saranno fissati i funerali, mentre l’intera città dell’Aquila è sconvolta. Tra ieri sera e la notte sono state ascoltate in Questura 5-6 persone tra cui insegnanti e mamme che erano sul luogo dell’incidente. La donna alla guida della Passat sarà invece interrogata alla presenza dell’avvocato di fiducia. La famiglia del piccolo Tommaso è difesa da Tommaso Colella e Katiuscia Romano, del foro dell’Aquila.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Cronaca / Napoli, traghetto da Capri urta banchina: una trentina i feriti, uno in codice rosso
Cronaca / Marco Luis (“il bodybuilder più pompato di sempre”) è morto a 46 anni per cause ignote
Cronaca / Armato a San Pietro: arrestato a Roma super ricercato
Cronaca / Come si entra nei Servizi segreti? Ecco il bando per nuovi 007
Cronaca / In 2 anni 32.500 posti in meno negli ospedali italiani
Cronaca / Desenzano del Garda, multato per aver pulito la spiaggia del lago: parte la colletta
Cronaca / Fa retromarcia e investe il figlio di un anno: il piccolo Matteo muore dopo due giorni di agonia