Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

I rider di Just Eat saranno assunti come lavoratori dipendenti: “Una scelta etica di responsabilità”

Immagine di copertina

Just Eat assumerà i rider come lavoratori dipendenti: si parte da marzo

Just Eat, nota azienda che si occupa di consegne di cibo a domicilio, ha annunciato che assumerà i rider come lavoratori dipendenti.

Si tratta di una vera e propria svolta, che prenderà il via a marzo da Monza con i primi 50 rider assunti. Il numero degli assunti dovrebbe salire a mille nei due mesi successivi nelle città di Brescia, Verona, Parma e Reggio Emilia, fino ad arrivare, entro la fine del 2021, all’assunzione di tutti i rider (circa tremila) nelle 23 città dove l’azienda opera.

I contratti di lavoro, che saranno full time (40 ore a settimana), part-time o a chiamata, si basano sul cosiddetto modello “Scoober” già attivo in oltre 12 Paesi. Il compenso sarà di 9 euro l’ora a cui si aggiungeranno dei bonus legati alle consegne.

“Una scelta etica di responsabilità” l’ha definita Daniele Contini, country manager di Just Eat Italia. L’azienda ha spiegato in una nota che questa svolta permetterà ai rider “di avere tutti i vantaggi e le tutele tipiche dei lavoratori dipendenti, e condizioni di assunzione eque tra cui: un compenso orario, ferie, malattia, maternità/paternità, indennità per lavoro notturno, e festivi, coperture assicurative, dispositivi di sicurezza gratuiti in dotazione, formazione obbligatoria e tutele previdenziali”.

“L’annuncio di Just Eat dimostra che si può stare sul mercato in un modo diverso, senza cioè massacrare i ragazzi con un modello tutto flessibilità e abbassamento dei costi” ha affermato con moderata soddisfazione Cristian Sesena della Cgil.

Tuttavia, Sesena che i 7,5 euro lordi previsti dal contratto non sono tanti. “Probabilmente hanno applicato il livello più basso che hanno trovato, come quello del contratto multiservizi” aggiunge il sindacalista.

“Qui però non si tratta di pulizie, ma di consegne. E perciò andrebbe applicato il contratto della logistica che prevede un compenso orario da 12 euro lordi. In ogni caso un regolamento aziendale non basta in Italia. Dovranno agganciarsi comunque a un contratto nazionale e poi definire le forme di flessibilità nell’integrativo aziendale”.

Leggi anche: Altro che rider più ricchi in tempi di Covid: quanto guadagnano (davvero) i lavoratori del delivery

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Cronaca / Quando esce The Post Internazionale in edicola, città per città
Cronaca / Positivi al Covid, accompagnano i figli a scuola prima dell’esito del tampone: due classi in quarantena
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Cronaca / Quando esce The Post Internazionale in edicola, città per città
Cronaca / Positivi al Covid, accompagnano i figli a scuola prima dell’esito del tampone: due classi in quarantena
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Cronaca / Green pass per tutti i lavoratori: multe fino a 1.500 euro e stop allo stipendio per chi non ha la certificazione
Cronaca / Alessandro Barbero contro il Green Pass: "Così la sinistra si piega ai padroni"
Cronaca / Rt ancora in calo in Italia, lieve diminuzione di ricoveri e terapie intensive
Cronaca / È arrivato il numero 1 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale