Me

“Torturato con scosse elettriche ai genitali”: la storia di un italiano detenuto negli Emirati Arabi

Di Marco Nepi
Pubblicato il 20 Mag. 2019 alle 20:44 Aggiornato il 9 Set. 2019 alle 19:35
Immagine di copertina
Massimo Sacco

Italiano torturato Emirati Arabi – Massimo Sacco, l’imprenditore italiano detenuto negli Emirati Arabi per più di un anno per presunto traffico internazionale di stupefacenti, è rientrato in Italia.

L’uomo è intervenuto ai microfoni de I Lunatici, programma condotto ogni notte da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Rai Radio 2: “Ringrazio la vostra trasmissione che per prima ha acceso la luce sulla mia storia, e il mio avvocato, Stefania Franchini.

Altrimenti sarei morto lì dentro. Peso 64 chili, ne pesavo 98. Per le torture ricevute ho un testicolo, il sinistro, grande come una mela. Mi hanno fatto delle scosse elettriche sul testicolo sinistro”.

Sacco ha raccontato come sono andate le cose: “Lavoravo nell’ambito delle ristrutturazioni. Facevo un ottimo lavoro per dei famosi brand italiani. Allestivo i negozi. Avevo tutta la manovalanza e le forniture dall’Italia. Una maledetta sera sono andato in un club di Dubai Marina.

In sei anni non ho mai lasciato la mia compagna Monia. Quella volta, lei faceva il turno di notte, io ero reduce da quaranta giorni di lavoro consecutivo, ero molto stressato. Sono andato a prendere una birra e ho incontrato un altro italiano. Poi si è avvicinato un ragazzo di colore che ci ha offerto cocaina.

L’altro italiano che era con me ha provato a portarsi a casa una ragazza conosciuta lì. Ci è andato a casa ma poi si è scoperto che lei era una spia dell’intelligence di Dubai. Le forze dell’ordine sono entrate a casa sua, e lui mi ha venduto. Ha detto che la cocaina gliela avevo venduta io.

Mi sono arrivati a casa, mi hanno pistato come l’uva, senza un mandato, senza niente. Hanno portato via la mia compagna che era in camera da letto, completamente nuda. Volevano che io ammettessi di aver portato la cocaina dall’Italia. Ma non era vero. Da quel momento inizia il mio incubo”.

Il 53enne ha rilasciato anche dettagli molto crudi in merito alla vicenda: “Mi hanno tenuto due notti dentro una stanza di tre metri quadrati in cui c’erano dodici persone, con una coperta, una bottiglia d’acqua e la possibilità di andare al bagno una volta al giorno. Appena chiedevi qualcosa, ti riempivano di botte.

Poi mi hanno trasferito, sono stato mesi senza vedere la luce del sole, chiamare in Italia costava 1.20 euro al minuto, in sette mesi e mezzo ho speso 14.000 euro. Sono stato truffato da un avvocato locale e poi il mio caso è stato trasferito ad Abu Dhabi”

L’accusa nei suoi confronti era di spaccio e traffico internazionale di cocaina: “Mi hanno trattato come una bestia, picchiato, incatenato mani e piedi e spedito in un carcere federale messo in cella con terroristi ed assassini. C’erano 180 posti letto e in prigione c’erano 280 persone. Pensavo di diventare pazzo”.

Per non parlare delle torture subite: “Una sera stavo pregando con altri ragazzi cristiani nigeriani. Siamo stati presi e portati fuori, hanno preso il rosario, sbattuto per terra, ci hanno sputato sopra e mi hanno detto che esiste solo Allah, il loro Dio. Io gli ho detto che si sarebbero dovuti vergognare, visto che a febbraio negli Emirati sarebbe venuto il Papa”.

Nessuna pietà per Massimo Sacco: “Mi hanno preso, portato dentro una stanza, in tre persone, lì c’era un energumeno che ha arrotolato un asciugamano, l’ha passato sotto il lavandino, mi hanno spogliato e mi ha spaccato tre costole. Poi mi hanno tolto le mutande e mi hanno dato le scosse elettriche ai genitali. Per motivi religiosi, in pratica. Loro sapevano che io ero cattolico, cristiano”.

“Mi hanno torturato, rinchiuso e costretto a strisciare sulla sabbia bollente”: la lettera di un detenuto dall’Egitto

Cosenza, detenuto evaso dal carcere: catturato dopo una giornata di ricerche

Dentro il Rojava, guerra di Siria

ESCLUSIVA TPI – Detenuto nel carcere di Viterbo, idoneo all’isolamento: si impicca in cella. Lo strano certificato medico di Hassan