Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Metà dei ristoranti etnici in Italia è irregolare. La scoperta shock dei Nas

Immagine di copertina

I Nas ispezionano i ristoranti etnici in Italia: la metà sono irregolari

Italia ristoranti etnici irregolari – Un ristorante etnico su due che si trova in Italia presenta irregolarità. È la sconcertante scoperta fatta dai Nas, il nucleo dei carabinieri addetto alla tutela della salute, che ha ispezionato 242 strutture dislocate in tutta Italia, accertando violazioni della legge nella metà dei casi.

Per quanto riguarda il settore della ristorazione, nel 48 per cento dei casi le regolarità sono state trovate nei locali che propongono la formula “all you can it”.

I Nas, che hanno chiuso o sospeso 22 attività, riscontrando 477 violazioni di legge, hanno trovato cibi scaduti, alimenti scongelati e poi ricongelati, prodotti senza etichette di tracciabilità, evidenziando, inoltre, il mancato rispetto delle norme igieniche in particolar modo nelle cucine dei locali, alcune di questa giudicate in “pessime condizioni”.

Nel mirino dei carabinieri sono finiti anche i depositi di alimenti etnici e i grossisti.

Anche qui i controlli, che hanno portato anche al sequestro di 128 tonnellate di cibo per un valore di 232mila euro, hanno evidenziato enormi irregolarità nel 41 per cento dei casi.

Anche in questo caso sono stati trovati prodotti alimentari, dal pesce alla carne sino ai vegetali, privi di tracciabilità e in cattivo stato di conservazione.

I carabinieri, inoltre, hanno trovato dei magazzini di stoccaggio dei prodotti abusivi, evidenziando anche la mancanza dei minimi requisiti sanitari, strutturali e di sicurezza per i lavoratori.

L’operazione è stata commentata dal ministro della Salute Giulia Grillo tramite Twitter.

“All you can eat non può fare rima con rischio di intossicazione alimentare: le regole valgono per tutti ” ha affermato la Grillo sul social network.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Firenze, furto da film in una gioielleria: i ladri sono entrati dalle fogne
Cronaca / Non vuole giocare a palla con la figlia, la mamma picchia l’amichetta al parco
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Firenze, furto da film in una gioielleria: i ladri sono entrati dalle fogne
Cronaca / Non vuole giocare a palla con la figlia, la mamma picchia l’amichetta al parco
Cronaca / Trani, scontro in volo tra due ultraleggeri: due morti e tre feriti
Cronaca / Lecco, perde il controllo della moto e investe pedoni: due morti e un ferito
Cronaca / Venezia, uomo si suicida davanti ai turisti vicino a Piazza San Marco
Cronaca / Forlì, marito e moglie trovati morti in casa: si sarebbero suicidati sparandosi in contemporanea
Cronaca / Macerata, maltrattamenti su un’alunna disabile: due arresti
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi