Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

I lavoratori avranno diritto alla cassa integrazione se si superano 35 gradi: la decisione dell’Inail

Immagine di copertina

Le imprese potranno chiedere la Cassa Integrazione all’Inps se le temperature saranno troppo elevate. È quanto previsto dalla nota congiunta Inps e Inail in merito alla pubblicazione Inail che chiarisce le istruzioni per la gestione del rischio caldo e per l’accesso alle prestazioni di cassa integrazione ordinaria, versata in caso di sospensioni o riduzioni dell’attività lavorativa dovuta alle alte temperature.

In particolare, ai fini della integrazione salariale da corrispondere ai lavoratori in cassa integrazione, che cessano l’attività per un periodo temporaneo, il termometro dovrà superare i 35 gradi, ma possono essere considerate idonee anche le temperature “percepite”. Quanto basta insomma a rendere pericolosa un’attività. Tra quelle più a rischio che potranno fare domanda di Cassa integrazione le imprese che si occupano di lavori di stesura del manto stradale, rifacimento di facciate e tetti, lavorazioni all’aperto, attività che richiedono indumenti di protezione e anche tutte le occupazioni che si svolgono in luoghi non proteggibili dal sole e/o dal calore.

La Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria consiste nel versamento, da parte dell’Inps, di una somma di denaro in favore dei lavoratori la cui retribuzione è diminuita per effetto di una riduzione dell’attività lavorativa dovuta a una temporanea difficoltà di mercato dell’azienda o ad altri eventi temporanei, che non dipendono dal datore di lavoro o dai lavoratori.

Dunque, anche la causale “eventi meteo” sarà invocabile dall’azienda in caso di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa per via delle temperature elevate. Nella nota è specificato che l’azienda, nella domanda di Cassa integrazione e nella relazione tecnica che deve essere allegata, deve solo indicare le giornate di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa e specificare il tipo di lavorazione in atto, mentre non è tenuta a produrre dichiarazioni che attestino l’entità della temperatura, né a produrre i bollettini meteo.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gallipoli, turisti si lanciano bottiglie di vetro e un’auto quasi investe un ragazzo
Cronaca / La Calabria arruola 500 medici cubani per salvare il sistema sanitario
Cronaca / Una tromba d'aria distrugge il Twiga, lo sfogo di Briatore: "Italiani invidiosi"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gallipoli, turisti si lanciano bottiglie di vetro e un’auto quasi investe un ragazzo
Cronaca / La Calabria arruola 500 medici cubani per salvare il sistema sanitario
Cronaca / Una tromba d'aria distrugge il Twiga, lo sfogo di Briatore: "Italiani invidiosi"
Cronaca / Bimbo ucciso in bici a Milano, arrestato il pirata della strada. Guidava senza patente, sotto effetto di droga e con gamba ingessata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Nubifragi e trombe d’aria al Centro-Nord. Due morti in Toscana. Protezione civile riunisce unità di crisi
Cronaca / Latina, mamma di 26 anni muore in discoteca. Aveva due figli
Cronaca / Imprenditore riceve una bolletta del gas da quasi un milione di euro: “Era meglio andare al mare”
Cronaca / Tragedia a Senigallia: padre e figlio muoiono travolti da un treno
Cronaca / Violento incendio a Pantelleria: turisti in fuga e case evacuate