Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax

Immagine di copertina

L’Ausl di Bologna ha avviato un’azione disciplinare nei confronti di un infermiere che sul suo profilo Facebook aveva attaccato duramente i no vax.

Secondo quanto ricostruito da Il Resto del Carlino, tutto risale allo scorso martedì quando l’infermiere bolognese ha risposto a una donna che protestava contro il Green pass, lasciandosi andare a un duro sfogo sui social.

“Lei non si preoccupi – ha scritto l’uomo – che quando apriremo la terapia intensiva Covid con tutti i disagiati ‘No Vax’ (e purtroppo qualche persona innocente che per seri motivi non poteva vaccinarsi) io sarò lì a mettervi le sonde necessarie alla vostra sopravvivenza”.

“Lo farò in modo professionale come sempre, ma forse con un pizzico di sottile piacere in più. Questo perché so che è comunque una vostra scelta libera e consapevole. Questo allevierà il mio carico emotivo e saremo tutti più felici” ha scritto l’infermiere.

Il post ha scatenato la rabbia di diversi utenti, che hanno iniziato a insultare e, in alcuni casi, anche minacciare l’uomo. Subito dopo l’Ausl ha fatto rimuovere il post ed ha avviato un’azione disciplinare nei confronti dell’infermiere.

“Il vero nemico è il virus, non il vaccino” ha dichiarato Pietro Giurdanella, presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche, che poi aggiunge: “I cittadini devono capire l’importanza di vaccinarsi contro il Covid, mentre ai colleghi sanitari dico che non devono forzare la mano, ma ascoltare e cercare di risolvere i dubbi degli indecisi”.

“L’errore – continua Giurdanella – è dividerci in due squadre e tifare o per l’una o per l’altra. O ’Vax’ o ’No vax’. Sono convinto che la maggior parte di chi non voglia vaccinarsi, non sia ’No vax’ ma abbia solo paura. Ed ecco che noi dobbiamo essere lì accanto e prenderci in carico i loro dubbi e accompagnarli come con chi deve essere operato d’urgenza”.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Cronaca / Morte Luana D’Orazio, la perizia della procura: “L’orditoio era stato manomesso”
Cronaca / 3.838 nuovi casi e 26 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Referendum contro il green pass, parte la raccolta firme
Cronaca / Green Pass all’aeroporto di Roma Fiumicino? I controlli con il QR code sono un miraggio: VIDEO
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli. In un video diceva: “Ti butto giù”
Cronaca / Vola in Moldavia per la fecondazione assistita: 30enne di Chivasso muore dopo l’intervento
Cronaca / Cinema, stadi e teatri all’80% e deroghe al metro di distanza: le ipotesi del Governo per il nuovo decreto