Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Imprenditore arrestato per violenze a Milano, due ragazze ai pm: “Drogate e sequestrate per settimane”

Immagine di copertina

Sequestrate per “giorni” o addirittura “settimane”: parlano due delle ragazze sentite dai pm di Milano nell’ambito dell’inchiesta su Antonio Di Fazio, imprenditore in carcere da venerdì con l’accusa di aver narcotizzato e violentato una 21enne. Secondo quanto riportato dall’Ansa, le testimonianze delle due giovani sarebbero agghiaccianti e fornirebbero un quadro generale molto più grave di quanto pensato sinora dagli investigatori. Le ragazze, parlando in Procura, hanno raccontato che Di Fazio le avrebbe sequestrate per “giorni” o addirittura “settimane”. L’Ansa cita una fonte che descrive le parole riportate nei verbali come “da film dell’orrore”.

Secondo quanto trapelato, pare che le ragazze sinora ascoltate dai pm abbiano raccontato come l’imprenditore le avrebbe minacciate millantando rapporti con Servizi Segreti, polizia, carabinieri e guardia di finanza, oltre che con la criminalità organizzata, per indurle a non denunciare. Il manager avrebbe attirato le proprie vittime, tutte studentesse giovanissime, nel suo appartamento con la scusa di proporre loro uno stage nella propria azienda. Poi le narcotizzava con tranquillanti sciolti nelle bevande e abusava di loro.

Le ragazze racconta di essere state “sequestrate per settimane” perché erano state drogate con le benzodiazepine e versavano, poi, in uno stato di “soggezione psicologica”, perché avevano paura di quell’uomo. L’imprenditore, usando dosi massicce di tranquillanti, aveva l’obiettivo anche di cancellare tutti i loro ricordi.

Altre ragazze hanno già contattato gli investigatori e sarebbero pronte anche loro a denunciare. Si indaga, intanto, anche su una presunta “rete” di complici nel mondo della criminalità che potrebbero aver aiutato il manager ad avvicinare le studentesse a Di Fazio.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Von der Leyen: “È ora di discutere dell’obbligo vaccinale nell’Ue”
Cronaca / Covid, la conversione del leader veneto no vax dopo il ricovero per il virus: “Vaccinatevi tutti”
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Von der Leyen: “È ora di discutere dell’obbligo vaccinale nell’Ue”
Cronaca / Covid, la conversione del leader veneto no vax dopo il ricovero per il virus: “Vaccinatevi tutti”
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Cronaca / Greta Beccaglia di nuovo in collegamento dopo le molestie: “Avevo bisogno di tornare alla normalità”
Cronaca / Pnrr, arrivano i primi 5,2 miliardi di euro per la scuola: ecco come saranno investiti
Cronaca / La variante Omicron minaccia il Natale: la situazione in Italia e nel mondo
Cronaca / Dietrofront del governo: niente Dad con un contagiato in classe
Cronaca / Picchiato a sangue per aver difeso un’amica da uno stalker: 50enne muore dopo giorni di agonia
Cronaca / Covid, oggi 12.764 casi e 89 morti: tasso di positività all'1,8%
Cronaca / Incendio alla raffineria Eni di Livorno, i residenti a TPI: “Un forte boato, poi una puzza insopportabile”