Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Narcotizza, violenta e fotografa una studentessa 21enne: arrestato imprenditore farmaceutico a Milano. “Almeno altre 4 vittime”

Immagine di copertina
Antonio Di Fazio. Credit: Instagram

La studentessa ha raccontato di essere stata invitata a un incontro di lavoro per uno stage e di aver perso i sensi dopo aver bevuto un caffè. Dalle indagini è emerso che altre donne sarebbero state violentate dal 50enne con le stesse modalità

L’amministratore unico di una nota azienda farmaceutica milanese, l’imprenditore Antonio Di Fazio, 50anni, è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia Milano Porta Monforte per violenza sessuale aggravata, sequestro di persona e lesioni personali aggravate. Le indagini sono partite dalla denuncia di una studentessa universitaria che aveva raccontato di essere stata invitata ad un incontro di lavoro tra imprenditori per uno stage e di aver perso completamente i sensi dopo aver bevuto un caffè.

La 21enne si era risvegliata a casa stordita e con addosso i vestiti indossati la sera precedente. L’uomo l’aveva anche fotografata durante la notte della violenza. Secondo quanto riporta il quotidiano Repubblica, dalle indagini è emerso che non sarebbe l’unico caso e che altre donne sarebbero state violentate dal 50enne con le stesse modalità, dopo essere state poste in uno stato di incapacità di volere e di agire.

L’arresto è scattato dopo un’indagine coordinata dal Dipartimento Tutela della famiglia, dei minori e di altri soggetti deboli della procura di Milano, in particolare dal procuratore aggiunto Letizia Mannella e dal pm Alessia Menegazzo. Durante la perquisizione in casa dell’uomo sono state trovate, nascoste in cucina, due confezioni di “Bromazepam”, un ansiolitico della famiglia delle benzodiazepine, che si pensa abbia somministrato alla ragazza, mescolandola con un caffè e un succo d’arancia, provocandole un’intossicazione con avvelenamento.

Leggi anchePonza: violenta per dieci anni le tre figlie minorenni. Pastore evangelico estradato dalla Scozia

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vaccinopazzia: l’Aifa dà l’ok al mix vaccinale, già in uso in altri Paesi, ma Ema difende AstraZeneca
Cronaca / Ci sono 10 milioni di italiani che non vogliono vaccinarsi
Cronaca / “‘Frocio’ e ‘gay schifoso’: mio figlio, 12 anni, aggredito per lo smalto e una borsetta arcobaleno”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vaccinopazzia: l’Aifa dà l’ok al mix vaccinale, già in uso in altri Paesi, ma Ema difende AstraZeneca
Cronaca / Ci sono 10 milioni di italiani che non vogliono vaccinarsi
Cronaca / “‘Frocio’ e ‘gay schifoso’: mio figlio, 12 anni, aggredito per lo smalto e una borsetta arcobaleno”
Cronaca / Assalto a portavalori sull’A1 con spari e esplosioni. Caccia ai rapinatori | VIDEO
Cronaca / Lombardia, preoccupa la variante Delta: “81 casi già registrati”
Cronaca / Pasticcio AstraZeneca: le Regioni stanno decidendo da sole per la seconda dose
Cronaca / Von der Leyen: "Oltre 300 milioni di vaccinazioni in Ue"
Cronaca / In Italia 14,2 milioni di persone hanno ricevuto entrambe le dosi
Cronaca / AstraZeneca, l’Aifa approva il mix di vaccini per chi ha meno di 60 anni
Cronaca / È morto Livio Caputo, direttore reggente de Il Giornale