Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Immigrazione clandestina, a Napoli arrestati poliziotti: “Ne abbiamo fatti entrare a migliaia”

Immagine di copertina

IMMIGRAZIONE CLANDESTINA ARRESTATI POLIZIOTTI – “Ne abbiamo fatti entrare a migliaia”, parlavano così i membri di un’organizzazione per delinquere finalizzata a favorire l’immigrazione clandestina scoperta e sgominata a Napoli, una banda di cui facevano parte anche un poliziotto ancora in servizio e un altro agente della Polizia di Stato in pensione. nell’ambito di un’operazione coordinata della Procura della città partenopea scattata oggi sono state arrestate 7 persone.

Immigrazione clandestina | Napoli | Arrestati poliziotti

Tra i sette arrestati ci sono un poliziotto ancora in servizio nell’ufficio immigrazione della Questura di Napoli e un altro in pensione. Ad alcuni indagati viene contestato il reato di corruzione. Dell’organizzazione criminale facevano parte, oltre ai poliziotti, anche extracomunitari. L’indagine è nata da una segnalazione per finanziamento al terrorismo. Sono state eseguite numerose perquisizioni.

Nel dettaglio l’operazione è partita da un attività del Gico di contrasto al terrorismo. I finanzieri hanno individuato un trasferimento di denaro da un algerino residente a Napoli a favore di un connazionale in Belgio che, secondo i primi riscontri, avrebbe avuto stretti contatti con un terrorista sospettato di essere uno degli organizzatori degli attentati di Parigi del 13 novembre 2015.

Immigrazione clandestina | Napoli | Agendina con tariffario

“Ne abbiamo fatto entrare a migliaia”, è una frase spuntata in una delle intercettazioni. Durante le perquisizioni è stata anche trovata un’agendina nella quale era stato annotato un tariffario, con le cifre che i poliziotti percepivano da alcuni immigrati facenti parte dell’organizzazione che, suddivisi per nazionalità (tunisina, algerina, ed altre), raccoglievano le richieste e poi corrompevano gli agenti per ottenere autorizzazioni.

> Le notizie di cronaca di TPI

L’intermediario era l’ex poliziotto in pensione che si metteva di volta in volta in contatto con alcuni colleghi in servizio.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Stop mascherine all’aperto, via libera dal Cts: indicate due date al Governo
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Stop mascherine all’aperto, via libera dal Cts: indicate due date al Governo
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Cronaca / Sindacalista ucciso, il camionista ai domiciliari: “Non volevo investire nessuno”
Cronaca / Continua a diffondersi la variante Delta, ecco il test per riconoscerla
Cronaca / Nuoro: accoltellata dall’ex esce dal coma e cerca suo figlio, morto per salvarla
Cronaca / Galli: “Stato d’emergenza va mantenuto. Mascherine? Stupido farne battaglia di libertà”
Cronaca / L'Avis contro Enrico Montesano: "Non date retta alle fake news. I vaccinati possono donare il sangue"
Cronaca / "Saman ha cercato di scappare coi documenti". E il fratello della 18enne indica dov'è sepolta