Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Armi verso l’Ucraina mascherate da aiuti umanitari”: la protesta dei lavoratori dell’aeroporto di Pisa

Immagine di copertina

Mentre una lettera dello Stato Maggiore chiede di limitare i congedi anticipati dei militari italiani e di orientare le attività di addestramento al “warfighting“, dall’Italia un carico di armi destinato all’Ucraina stava per partire anche da un aeroporto civile. La denuncia è arrivata dall’Unione dei Sindacati di Base di Pisa. Sabato 12 marzo i lavoratori dell’aeroporto civile Galileo Galilei si sono rifiutati di eseguire un carico perché hanno scoperto che, al posto di aiuti umanitari, conteneva armi e munizioni.

Armi verso l’Ucraina mascherate da aiuti umanitari in partenza dall’aeroporto civile di Pisa“, denuncia il sindacato. “Dal Cargo Village sito presso l’aeroporto civile partono voli ‘umanitari’, che dovrebbero essere riempiti di vettovaglie, viveri, medicinali e quant’altro utile per le popolazioni ucraine tormentate da settimane da bombardamenti e combattimenti. Ma non è così quando si sono presentati sotto l’aereo, i lavoratori addetti al carico si sono trovati di fronte casse piene di armi di vario tipo, munizioni, esplosivi”, affermano dall’Usb, facendo notare che le armi destinate a Kiev partano già dal vicino aeroporto militare. “Un’amara e terribile sorpresa”, dicono dal sindacato. “Di fronte a questo fatto gravissimo i lavoratori si sono rifiutati di caricare il cargo, aerei che in questi giorni atterrano prima in basi Usa/Nato in Polonia, poi inviati in Ucraina, per essere poi bombardati dall’esercito russo, determinando la morte di altri lavoratori, impiegati nelle basi interessate agli attacchi”.

“Denunciamo con forza questa vera e propria falsificazione, che usa cinicamente la copertura ‘umanitaria’ per continuare ad alimentare la guerra in Ucraina” prosegue l’Usb, e chiede “alle strutture di controllo del traffico aereo dell’aeroporto civile di bloccare immediatamente questi voli di morte mascherati da aiuti ‘umanitari’; ai lavoratori di continuare a rifiutarsi di caricare armi ed esplosivi che vanno ad alimentare una spirale di guerra che potremo fermare solo con un immediato cessate il fuoco e il rilancio di dialoghi di pace; alla cittadinanza di partecipare alla manifestazione di sabato 19 marzo di fronte all’aeroporto ‘G. Galilei’ (ore 15) sulla parola d’ordine ‘Dalla Toscana ponti di pace, non voli di guerra!'”.

La denuncia arriva a pochi giorni dalla manifestazione per la pace in Ucraina che si è svolta a Firenze, e stride con le parole pronunciate dalle autorità locali e nazionali in Piazza Santa Croce, che hanno invitato l’Unione Europea a “fare di più per cercare la pace e convincere la Russia a fermarsi“. Ma d’altronde l’Italia a pochi giorni dall’esplosione del conflitto ha autorizzato l’invio “in deroga” di “mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari” al governo ucraino “fino al 31 dicembre” e si è impegnata a partecipare a quei “dispositivi della NATO” già autorizzati dal Parlamento per il 2021, approvando una spesa pari a 67.451.608 euro per l’anno 2022 e 21.000.000 per l’anno 2023.

L’episodio del Galileo Galilei di Pisa ha però destato scalpore per il fatto che il carico – da mettere in un Boeing 737 della compagnia islandese Bluebird – doveva contenere aiuti umanitari, e sarebbe partito da un aeroporto civile, “a conferma del clima di guerra nel quale ci sta trascinando il governo Draghi”, denunciano ancora dall’Usb. “Si tratta di una notizia che se confermata provocherebbe certamente un terremoto nell’opinione pubblica toscana”, hanno commentato le consigliere regionali del M5S Irene Galletti e Silvia Noferi, annunciando un’interrogazione urgente per chiedere alla Regione se la notizia corrisponda al vero. “Non solo il carico di armi e munizioni non rientra nelle mansioni dei lavoratori dell’aeroporto di Pisa – ha affermato Cinzia dell’Usb di Pisa ai microfoni di Radio Onda d’Urto – ma noi siamo contrari alla guerra”. Secondo quanto riportato dal quotidiano Domani, l’evento è stato confermato da Toscana aeroporti ma, dice il presidente Marco Carrai, non accadrà più: “Lo posso garantire”.

 

 

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, anziana rapinata al bancomat: un operaio segue il ladro e lo fa arrestare
Cronaca / Covid, oggi 27.162 casi e 62 morti: tasso di positività al 13,95%
Cronaca / Milano, barista 18enne pedinata e molestata: il padre raggiunge l’aggressore e lo picchia per strada
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, anziana rapinata al bancomat: un operaio segue il ladro e lo fa arrestare
Cronaca / Covid, oggi 27.162 casi e 62 morti: tasso di positività al 13,95%
Cronaca / Milano, barista 18enne pedinata e molestata: il padre raggiunge l’aggressore e lo picchia per strada
Cronaca / Lo sfogo di un’impiegata di Elisabetta Franchi: “Vi racconto come tratta le donne”
Cronaca / Guida contromano sulla Firenze-Pisa-Livorno, scontro nella notte: un morto e 4 feriti
Cronaca / Covid, oggi 36.042 casi e 91 morti: tasso di positività al 13.7%
Cronaca / Molestie al raduno di Rimini, il sindaco di Trieste difende gli alpini: “La violenza è un’altra cosa, siamo maschi”
Cronaca / ”Salvatemi vi prego”: turista violentata a Roma, i carabinieri sentono le urla e arrestano l’aggressore
Cronaca / Altro che malattia rara, 4 milioni di donne in Italia soffrono di vulvodinia
Cronaca / Roma, guida una Maserati sulla Scalinata di Trinità dei Monti: fermato un 37enne saudita | VIDEO