Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Green Pass all’aeroporto di Roma Fiumicino? I controlli con il QR code sono un miraggio: VIDEO

All’aeroporto di Fiumicino il Green pass è un optional, per non dire una farsa. Nonostante dal 6 agosto scorso sia obbligatorio esibirlo per i voli internazionali e dal 1 settembre anche per quelli nazionali, al Terminal 1 e 3 dell’aeroporto appena fuori la Capitale ai controlli sicurezza dei gate per le partenze il personale è sprovvisto di QR code reader (come potete vedere nel video). Questo significa che è letteralmente impossibile verificare la validità del Green pass. Per testare con i nostri occhi la procedura, noi di TPI abbiamo passato i controlli in prima persona.

È domenica e i viaggiatori sudati in questi ultimi sprazzi d’estate si accalcano ai cancelli che separano chi parte da chi resta. Un momento sempre molto romantico, fatto di fazzoletti e lacrime o di occhiolini e sorrisi, a seconda dei casi. I cartelloni dell’immaginario pandemico sono ormai lo sfondo abituale: segnali che indicano di indossare la mascherina, pubblicità progresso sul vaccino, istruzioni sulla distanza. Ma soprattuto, scritto a caratteri cubitali all’ingresso dei controlli troneggia un “esibire il Green Pass”.

Ci sono due step prima di mettere piede nei veri e propri gate. Il primo è appunto il check-point per il certificato verde e il secondo quello per la lettura del biglietto aereo. Ma quello che abbiamo scoperto è che il primo check-point è assolutamente un’illusione. “Green pass, prego”, dice svogliata l’addetta alla security. Le persone scorrono, mostrando rapidamente il cellulare. Nessuna scansione, nessuna lettura digitale. 

Quei Green pass potrebbe essere di chiunque altro. La prova? Ho passato il controllo mostrando la foto del Green pass di un mio amico. AmicO, uomo, che chiaramente non sono io. E sono entrata senza che nessuno battesse ciglio.

Un aeroporto che sposta una media di oltre 1 milione e 300mila passeggeri al mese con questi controlli blandi può mettere a rischio la sicurezza sanitaria internazionale. Perché se il Green pass è falso o scaduto, significa che quel viaggiatore non si è vaccinato. Che potrebbe aver contratto il Covid o contrarlo all’estero. Un Green pass senza lettore QR code non solo è un’arma spuntata, ma è un pericoloso vortice del ridicolo: i tanti No Vax infatti non aspettano altro che dire che le misure prese dal governo sono inefficaci.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Blitz contro le organizzazioni neonaziste in tutta Italia: 26 indagati
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass
Cronaca / Antonio, Giampiero e Nicolas: chi sono i tre ballerini morti in un incidente in Arabia Saudita
Cronaca / Alla chiusura dei seggi ieri aveva votato solo il 33,32% degli aventi diritto
Cronaca / Covid, oggi 2.437 casi e 24 morti: tasso di positività allo 0,6%
Cronaca / Tragedia nel bresciano: 15enne uccisa da un colpo di fucile sparato per sbaglio dal fratello di 13 anni