Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Gratta e vinci rubato a Napoli, il tabaccaio: “Sono io la vittima, l’anziana mente”

Immagine di copertina

Inizia ad assumere i contorni di un vero e proprio romanzo la vicenda che vede coinvolti un tabaccaio di Napoli e una donna di 70 anni che si era recata nella ricevitoria per verificare la vincita con un biglietto Gratta e Vinci. Tutto ha avuto inizio quando la donna, già cliente del negozio, ha acquistato due Gratta e vinci della serie “Doppia sfida”, spendendo 10 euro. Il primo tagliando non dà nessun esito, mentre il secondo regala all’anziana una vincita di ben 500mila euro.

A quel punto, la donna, incredula, chiede al dipendente dell’esercizio se realmente avesse vinto la somma. Il ragazzo conferma, poi, per un’ulteriore verifica, passa il tagliando al tabaccaio, il quale, come se nulla fosse, si intasca il biglietto e scappa a bordo di uno scooter. L’uomo è stato fermato ieri mattina in aeroporto: era diretto alle Canarie.

Secondo il Mattino di Napoli, Gaetano Scutellaro – questo il nome del tabaccaio – avrebbe rivendicato la proprietà del Gratta e vinci, dicendo agli agenti di voler querelare la donna: “Quel Gatta e vinci è mio, la vecchia mente accusandomi di averglielo rubato”. Una versione che per il momento non troverebbe immediati riscontri dai primi elementi raccolti dai carabinieri. A cominciare dalle immagini delle telecamere di sicurezza della tabaccheria, dalle quali si vedrebbe il momento in cui l’anziana consegna i due tagliandi che aveva giocato.

Scutellaro sostiene di aver depositato il tagliando in una banca di Latina, dove avrebbe fatto tappa prima di arrivare a Fiumicino. Lì ha aperto un conto corrente e attivato una polizza sulla vita, depositando il tagliando in una cassetta di sicurezza. Il tutto sarebbe avvenuto mentre probabilmente l’uomo non avrebbe ancora realizzato che i Monopoli di Stato nel frattempo avevano bloccato l’incasso del Gratta e vinci.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Napoli, bambino di 4 anni caduto dal balcone: fermato il domestico per omicidio
Cronaca / Cannabis, è stata raggiunta la soglia per il referendum: raccolte 500mila firme
Cronaca / C’è un farmaco per animali che avvelena: la Sardegna e una leghista l’hanno suggerito come cura anti-Covid
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Napoli, bambino di 4 anni caduto dal balcone: fermato il domestico per omicidio
Cronaca / Cannabis, è stata raggiunta la soglia per il referendum: raccolte 500mila firme
Cronaca / C’è un farmaco per animali che avvelena: la Sardegna e una leghista l’hanno suggerito come cura anti-Covid
Cronaca / Fiere di animali esotici, l’inchiesta della Lav sui “wet market” italiani
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Cronaca / Quando esce The Post Internazionale in edicola, città per città
Cronaca / Positivi al Covid, accompagnano i figli a scuola prima dell’esito del tampone: due classi in quarantena
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”