Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Boom di dimissioni volontarie nelle aziende: “I giovani si interrogano sul senso del lavoro e della vita”

Immagine di copertina

Nelle aziende del Nord è boom di dimissioni volontarie tra i giovani neoassunti in mansioni impiegatizie.

Si cercano offerte con migliori condizioni economiche, anche grazie alla ripresa del mercato del lavoro. Ma anche condizioni di lavoro più soddisfacenti dal punto di vista umano, impieghi in grado di garantire il giusto equilibrio tra vita privata e lavoro.

Al momento i settori che registrano la maggiore carenza di personale sono: Informatico e Digitale (32%), Produzione (28%), Marketing e Commerciale (27%).

Secondo l’indagine dei Aidp (Associazione per la Direzione del Personale), basata su un campione di circa 600 aziende, il fenomeno delle dimissioni volontarie ha riguardato il 60% delle aziende. La fascia d’età più coinvolta è quella tra i 26-35 anni. Seguita dalla fascia dei 36-45enni.

Le motivazioni

Per i direttori del personale il fenomeno dimostra quanto stia cambiando la percezione che le persone hanno del senso del lavoro e per il 30% di quanto, invece, stia cambiando il mercato del lavoro stesso. Tra le motivazioni, oltre alla ricerca di condizioni economiche più favorevoli e l’aspirazione ad un maggior equilibrio tra vita privata e lavorativa, il 25% degli intervistati ha giustificato la propria scelta con la ricerca di un nuovo senso di vita. Un altro 20% ha dichiarato che la decisione di lasciare il lavoro è legata a un clima negativo in ufficio.

Le aziende si stanno attrezzando per far fronte alla crescita repentina e inattesa di dimissioni. In alcuni casi i fuoriusciti vengono sostituiti con dipendenti attratti da contratti a tempo indeterminato e determinato (55%). Una parte significativa di aziende ha invece adottato una strategia di attesa (il 15%).

“Il rispetto dei valori individuali, la qualità delle relazioni, il benessere sul posto di lavoro e una serie di aspetti legati alle proprie motivazioni ed aspirazioni sono diventati indispensabili. Il fattore scatenante – spiega Matilde Marandola, Presidente Nazionale Aidp – è che le persone si sono interrogate rispetto al senso del proprio lavoro e in qualche caso della propria vita e, nella maggior parte dei casi, le risposte hanno spinto al cambiamento”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Cronaca / Gratteri a La7: “Minacce di morte? Ho paura ma cerco di addomesticarla. Se mi fermo, mi sento un vigliacco”
Cronaca / Ilaria Capua: “Mi fermo per un anno. Il Covid ha cambiato le priorità di tutti noi, anche personali”
Cronaca / Covid, oggi 29.875 casi e 95 morti: il bollettino del 24 maggio 2022
Cronaca / L’ex giudice Carnevale: “Falcone non era il più importante pm antimafia, esaltato oltre i suoi meriti”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, l’Ecdc: "Rischio che diventi endemico in Europa"
Cronaca / Roma, venditore di rose dà fuoco ai capelli di una ragazza: “Era deluso dalle poche vendite”
Cronaca / La giocatrice di basket difende il suo allenatore: “Non c’è stato nessuno schiaffo, avevo sbagliato un tiro”