Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Genova, donna uccisa in strada, il fratello: “Sono stato io, non ne potevo più di vivere con pochi soldi”

Immagine di copertina

Genova, donna uccisa in strada, il fratello: “Sono stato io, non ne potevo più di vivere con pochi soldi”

“Dovevate fermarlo, dovevate prenderlo prima che facesse tutto questo”. Lo ha gridato agli agenti di polizia la madre di Alice Scagni, la 34enne uccisa con 20 coltellate dal fratello, già segnalato in diverse occasioni alle autorità. “Ho chiamato, vi ho chiesto aiuto, ma non avete fatto nulla”, ha ribadito la donna, accanto al corpo della figlia uccisa domenica sera.

Un omicidio avvenuto dopo l’ennesima lite con il fratello Alberto per motivi di soldi, come avrebbe confermato lo stesso sospettato. “Sono stato io, non ne potevo più di vivere con quei pochi soldi a disposizione”, ha detto il 42enne disoccupato agli agenti che lo hanno fermato sul lungomare con il coltello ancora in mano e i vestiti sporchi di sangue. Come ricorda Il Secolo XIX, le sue parole non hanno però valore legale, non essendo stato interrogato formalmente di fronte a un avvocato.

L’uomo, accusato di omicidio volontario premeditato aggravato, avrebbe compiuto secondo gli inquirenti un “agguato in piena regola”, raggiungendo la sorella mentre portava a spasso il cane. Con sé, portava lo stesso coltello mostrato in una foto pubblicata qualche giorno prima sui social, con ha colpito la giovane madre con 17 coltellate alla schiena e tre all’addome. Una scena agghiacciante, a cui hanno assistito tre testimoni: il marito della stessa vittima, una donna al sesto mese di gravidanza e il marito, che avrebbe tentato di inseguire l’assassino a piedi scalzi.

Il giorno prima della tragedia, i genitori avevano chiamato il numero unico di emergenza, preoccupati dalle “minacce per i soldi e i suoi modi violenti”. “Ci hanno detto di andare in questura o in commissariato a sporgere denuncia”, riporta il Secolo XIX.

Il giorno ancora precedente, l’uomo aveva cercato di dare fuoco alla porta di casa della nonna, che abita nel suo stesso palazzo a Sampierdarena e in passato aveva rifiutato le richieste di soldi del 42enne.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’influencer Elena Berlato aggredita e rapinata a Milano: “Sono finita in ospedale”
Cronaca / Gino Cecchettin: "Dopo la morte di Giulia volevo vendicarmi di Turetta"
Ambiente / Generali apre alla comunità l’Oasi Gregoriana affiliata al WWF, un’area naturalistica e agricola ricca di biodiversità
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’influencer Elena Berlato aggredita e rapinata a Milano: “Sono finita in ospedale”
Cronaca / Gino Cecchettin: "Dopo la morte di Giulia volevo vendicarmi di Turetta"
Ambiente / Generali apre alla comunità l’Oasi Gregoriana affiliata al WWF, un’area naturalistica e agricola ricca di biodiversità
Cronaca / Autovelox non omologati, la Cassazione accoglie il ricorso: multa non valida
Cronaca / Premio Guido Carli: la festa dell’eccellenza italiana
Cronaca / Milano, violenze e torture nel carcere minorile Beccaria: arrestati 13 agenti penitenziari, altri 8 sospesi
Cronaca / Salerno, bambino di 15 mesi muore azzannato da due pittbull
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”