Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Genova, donna uccisa in strada: colpita da almeno 17 coltellate. Fermato il fratello

Immagine di copertina

Genova, donna uccisa in strada: colpita da almeno 17 coltellate. Fermato il fratello

Stava portando a spasso il suo cane, quando è stata raggiunta dal fratello che l’ha colpita con almeno 17 coltellate. È la prima ricostruzione del tragico omicidio avvenuto ieri nel quartiere residenziale di Quinto a Genova, di fronte a diversi testimoni.

Per la 34enne Alice Scagni non si trattava della prima lite con il fratello Alberto, disoccupato di 42 anni, che ieri sera le avrebbe rivolto l’ennesima richiesta di soldi. Da gennaio l’uomo, che avrebbe problemi psicologici e di alcol, aveva iniziato a pressare sempre di più la sorella, mandandole continui messaggi sui social. La donna sarebbe stata l’unica ad aiutarlo, prima di interrompere il sostegno nelle ultime settimane.

L’uomo, fermato ieri con il coltello e i vestiti sporchi di sangue, è accusato di omicidio volontario aggravato. La procura, che nelle prossime ore chiederà la convalida dell’arresto al giudice per le indagini preliminari, sta anche valutando l’ipotesi di contestare a Scagni la premeditazione.

Ad assistere alla scena, sarebbero stati anche il marito della vittima e alcuni vicini, che udendo le urla dei due si sono affacciati alle finestre e hanno chiamato i soccorsi. I vicini, ascoltati dagli investigatori della squadra mobile, hanno raccontato di aver sentito fratello e sorella litigare animatamente. Secondo i testimoni, l’uomo avrebbe chiesto con veemenza soldi ad Alice che però si sarebbe rifiutata. A quel punto Alberto ha tirato fuori il coltello e ha colpito la donna all’addome e alla schiena.

Alcuni giorni prima dell’omicidio, Scagni avrebbe bruciato la porta di casa della nonna, che abita nello stesso palazzo del nipote, a Sampierdarena. Sarebbe stata lei stessa, che in passato aveva rifiutato le richieste di soldi del 42enne, a indirizzare gli inquirenti verso il nipote.

Una settimana fa, l’uomo aveva condiviso sui social una foto con una mazza da baseball e un coltello, dopo avere in precedenza dichiarato di aver fatto “bonificare il suo appartamento a Sampierdarena da eventuali microspie”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"
Cronaca / Esplosione alla centrale idroelettrica della diga di Suviana: tre morti, tre feriti gravi e sei dispersi
Cronaca / Ancora un morto sul lavoro: operaio folgorato in un cantiere a Taranto
Cronaca / Maiorca, 4 turisti italiani arrestati per stupro di gruppo