Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Si finge Andrea Pirlo e truffa boutique di lusso: denunciato

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Finto Andrea Pirlo truffa denunciato – Si fingeva Andrea Pirlo, l’ex centrocampista della Juventus, ma era un ex orafo con alle spalle piccoli guai con la giustizia e anche un procedimento fallimentare.

Alessandro Palazzolo, questo il nome dell’uomo 48enne ora denunciato dalla Digos di Torino per sostituzione di persona e truffa, aveva messo in atto un piano semplice: approfittando della vaga somiglianza con il calciatore, e grazie a una complice, l’uomo si è spacciato per l’ex centrocampista, facendo acquisti a suo nome e truffando boutique di Torino, Brescia e Napoli. Nel capoluogo partenopeo avrebbe fatto amicizia anche con il titolare del negozio, carpendo la sua fiducia al telefono.

Il primo episodio risale a due anni nella città della Mole quando Palazzolo ha cercato di comprare un orologio prezioso. Lo stesso a Brescia e a Napoli. Si presentava come il calciatore juventino, puntava ai capi più preziosi e poi mandava a una donna, che spacciava per la sua assistente, a ritirare i capi. La signora, una 42enne residente a Pavia fidanzata del truffatore, assicurava che Pirlo sarebbe arrivato per saldare il colpo e portava via il bottino.

Le indagini sono partite dalla querela presentata dal vero Pirlo, assistito dall’avvocato Gian Filippo Schiaffino. Gli investigatori della Digos sono risaliti alla persona di Palazzolo lavorando sulle tracce lasciate dal cellulare contattando negozi e boutique di lusso.

Secondo quanto si apprende dalla denuncia, sono documentati cinque episodi in cui il truffatore avrebbe cercato di insinuarsi nella vita dell’ex centrocampista. Per esempio contattando il medico di famiglia dell’ex giocatore della Grande Signora per chiedere una “scorciatoia” per una vista. In un’altra occasione, invece, si era spacciato per il fratello di Pirlo durante una festa.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La lettera shock di Pupo: “Anche io come Impagnatiello sono stressato dalla gestione di due rapporti, ma non voglio uccidere”
Cronaca / Selvaggia Lucarelli e la raccolta fondi per Giulia Tramontano: “Qui i soldi non c’entrano nulla”
Cronaca / “Vuoi lasciarmi prima che nasca nostro figlio, che madre sei?”: il messaggio di Alessandro Impagnatiello a Giulia Tramontano
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La lettera shock di Pupo: “Anche io come Impagnatiello sono stressato dalla gestione di due rapporti, ma non voglio uccidere”
Cronaca / Selvaggia Lucarelli e la raccolta fondi per Giulia Tramontano: “Qui i soldi non c’entrano nulla”
Cronaca / “Vuoi lasciarmi prima che nasca nostro figlio, che madre sei?”: il messaggio di Alessandro Impagnatiello a Giulia Tramontano
Cronaca / Giulia Tramontano, la sorella Chiara pubblica la lettera del figlio mai nato alla mamma: “Papà un mostro, ora nessuno potra farci del male”
Cronaca / “Mettiamolo al rogo in piazza”: il durissimo commento dell’ex gieffino Lorenzo Battistello sull’omicidio di Giulia Tramontano
Cronaca / “Giulia Tramontano mi seguiva su Instagram”, bufera sugli influencer: “Sciacalli, fate schifo”
Cronaca / “Ti sfregio con l’acido”, Omar accusato di violenze dall’ex moglie: 22 anni fa con la fidanzata Erika uccise la madre e il fratello di lei
Cronaca / La sorella di Giulia Tramontano: "Non ho mai avuto stima di Alessandro"
Cronaca / L’ultimo messaggio di Giulia Tramontano prima di morire: “Alessandro mi ha rovinato la vita”
Cronaca / Omicidio Giulia Tramontano, l'appello di Michelle Hunziker