Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Fiale da 5 dosi ma noi riusciamo a ricavarne 7”: parlano i farmacisti anti-spreco del vaccino

Immagine di copertina
Credit: EPA/Lukasz Gagulski

“Fiale da 5 dosi ma noi riusciamo a ricavarne 7”: parlano i farmacisti anti-spreco del vaccino

A più di tre mesi dal suo inizio, la campagna vaccinale continua a essere limitata dalla disponibilità di dosi. In attesa dell’arrivo dei vaccini necessari per arrivare a proteggere entro fine mese le persone di età superiore a 80 anni, un contributo fondamentale al progresso della vaccinazione finora lo hanno dato i farmacisti, che da inizio anno riescono a ottenere fino al 40 percento delle dosi in più dalle fiale della casa farmaceutica statunitense Pfizer e il 20 percento da quelle dell’anglo-svedese AstraZeneca.

Lavorando con estrema precisione e siringhe appositamente dedicate, riescono a ottenere 7 dosi dalle 5 previste per le fiale di Pfizer e 12 dalle 10 per AstraZeneca, una in più rispetto a quanto raccomanda la stessa Agenzia italiana del Farmaco (Aifa).

“Non possiamo permetterci sprechi”, ha detto a La Repubblica, Roberta Di Turi, direttore Uoc Farmacia Ospedaliera della Asl Roma 3, parlando del lavoro del suo team di 9 persone dell’Ospedale Grassi di Ostia.

“È un lavoro estremamente logorante, che implica una concentrazione fuori dal comune” ha aggiunto, evidenziando la grande capacità tecnica dei farmacisti che si occupano di estrarre interamente il contenuto delle fiale. “Una cosa da farmacisti”, che richiede forte concentrazione e assenza di distrazioni, oltre a un grande sforzo organizzativo.

L’importanza di una dose in più

A dicembre, quando gli ospedali statunitensi hanno iniziato a ricevere le prime spedizioni dei vaccini, i farmacisti hanno scoperto di poter ottenere una o anche due dosi aggiuntive di vaccino dalle fiale che avrebbero dovuto contenerne solo cinque. Nelle settimane successive, le autorità sanitarie hanno autorizzato e poi promosso l’utilizzo delle dosi aggiuntive, portando a un aumento delle forniture già durante le fasi iniziali della campagna vaccinale.

Per estrarre tutte le dosi potenzialmente contenute nelle fiale, vengono usate speciali siringhe che riducono lo “spazio morto” tra la fine del pistone della siringa e l’inizio dell’ago e conseguentemente, “la quantità di liquido che resta nella siringa e nell’ago al termine dell’iniezione”, secondo quanto afferma l’Aifa. Secondo l’ente italiano, “il volume morto dell’insieme di siringa e ago a basso volume morto non deve superare 35 microlitri (0,035 ml)”. Queste siringhe, tra cui rientrano anche quelle dette “luer lock”, usano un sistema particolare di avvitamento per evitare perdite e sono più care delle siringhe normali.

Costo per dose, non per fiala

A gennaio Pfizer ha deciso di considerare anche le dosi aggiuntive per il raggiungimento degli obiettivi concordati con i governi, riducendo il numero di fiale da consegnare. Successivamente la Svezia ha sospeso i pagamenti a Pfizer per i vaccini, dopo che la casa farmaceutica aveva richiesto il pagamento della sesta dose.

Sia negli Stati Uniti che in Europa, l’azienda ha infatti specificato che il costo dei vaccini è da intendersi per dose e non per fiala, una presa di posizione che aveva portato il governo Conte a prendere in considerazione azioni legali contro la casa farmaceutica.

In Italia finora il 16,58 percento della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino, rispetto al 18,37 della Germania, il 47,79 del Regno Unito e il 37,62 degli Stati Uniti. Dall’inizio della pandemia, in Italia sono stati rilevati 3,83 milioni di casi di nuovo coronavirus, a fronte di 116mila decessi.

Leggi anche: 1. Vaccini: ora Pfizer alza da 12 a 19,5 euro il costo per ogni dose // 2. Vaccini, De Luca contro Draghi: “In Campania non procederemo per fasce d’età”; // 3. Il ministro Garavaglia (Lega): “L’Italia deve riaprire entro il 2 giugno”; // 4. Speranza: “Over 60 vaccinati entro giugno. Salvini raccatta voti sulla difficoltà delle persone”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Testamento “colombiano” di Silvio Berlusconi: Di Nunzio arrestato per falso
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Non c’è Pace Senza Giustizia celebra i primi 30 anni festeggiando le conquiste e fissando gli obiettivi del futuro
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Testamento “colombiano” di Silvio Berlusconi: Di Nunzio arrestato per falso
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Non c’è Pace Senza Giustizia celebra i primi 30 anni festeggiando le conquiste e fissando gli obiettivi del futuro
Cronaca / L’ennesimo mistero su Emanuela Orlandi: “La sua agenda presa dai servizi segreti e consegnata alla polizia un mese dopo”
Cronaca / Il giallo dell'influencer ricoverata in fin di vita con un buco al petto
Cronaca / Lutto nel mondo del cinema: è morto Gaetano Di Vaio
Cronaca / Blitz contro la mafia turca, 19 arresti in Italia e Svizzera: il presunto boss Baris Boyun fermato a Viterbo
Cronaca / Il caldo può attendere, prevista ancora una settimana di pioggia sull'Italia
Cronaca / Firenze, occupata piazza davanti al rettorato. UniFi approva mozione per cessate il fuoco a Gaza
Cronaca / Covid, cosa c’è da sapere sulla variante KP.2, più contagiosa e più resistente ai vaccini