Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Faida tra trapper, scattano gli arresti: in carcere Simba La Rue per il sequestro di Baby Touché

Immagine di copertina

Faida tra trapper, scattano gli arresti: in carcere Simba La Rue per il sequestro di Baby Touché

Una faida tra gruppi di trapper, protagonisti “di reiterati episodi di violenza”, ha portato all’arresto di nove ragazzi tra i 19 e i 25 anni. Tra i destinatari del provvedimento di custodia cautelare in carcere, eseguito dai carabinieri di Milano, c’è anche Mohamed Lamine Saida, trapper di 23 anni noto come “Simba la Rue”. Con altre tre persone, tra cui il suo manager 24enne, l’artista avrebbre preso parte al sequestro ai danni del rapper rivale Baby Touché, nome d’arte del 19enne Mohamed Amine Amagour, che il 9 giugno fu picchiato e tenuto dentro un’auto per due ore, mentre sui social venivano postate video in cui aveva il volto coperto di sangue.

Dopo il rapimento, lo stesso Simba la Rue subì un’aggressione nel bergamasco, in cui fu ferito a coltellate. L’agguato di metà giugno, su cui sta indagando la procura di Bergamo, fu poi rivendicata sui social da uno dei giovani della banda di Baby Touché.

Un esempio della “aspra conflittualità determinata dalle rivalità nella diffusione delle rispettive produzioni musicali” tra i due rivali, secondo quanto riporta l’ordinanza, che parla di gruppi governati “da regole di fedeltà reciproca e di omertà”.

Gli arresti, eseguiti tra Bergamo, Como e Lecco, riguardano nove presunti componenti della banda di Simba La Rue tra i 19 e i 25 anni, accusati a vario titolo di sequestro di persona, rapina e lesioni aggravate. Tra questi anche una ragazza di 20 anni, che avrebbe avuto il compito di sedurre i rivali per far organizzare attacchi dai complici, indossando addirittura degli auricolari per tracciare gli spostamenti.

Simba La Rue e altri cinque sono accusati anche di un’aggressione contro due giovani del gruppo rivale, che sarebbero stati pestati e colpiti anche con un coltello il primo marzo scorso per rubargli un portafoglio e un cellulare. Un fatto che, stando agli accertamenti, sarebbe stato una risposta ad un’altra aggressione subita da un ragazzo del gruppo.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Calabria arruola 500 medici cubani per salvare il sistema sanitario
Cronaca / Una tromba d'aria distrugge il Twiga, lo sfogo di Briatore: "Italiani invidiosi"
Cronaca / Bimbo ucciso in bici a Milano, arrestato il pirata della strada. Guidava senza patente, sotto effetto di droga e con gamba ingessata
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La Calabria arruola 500 medici cubani per salvare il sistema sanitario
Cronaca / Una tromba d'aria distrugge il Twiga, lo sfogo di Briatore: "Italiani invidiosi"
Cronaca / Bimbo ucciso in bici a Milano, arrestato il pirata della strada. Guidava senza patente, sotto effetto di droga e con gamba ingessata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Nubifragi e trombe d’aria al Centro-Nord. Due morti in Toscana. Protezione civile riunisce unità di crisi
Cronaca / Latina, mamma di 26 anni muore in discoteca. Aveva due figli
Cronaca / Imprenditore riceve una bolletta del gas da quasi un milione di euro: “Era meglio andare al mare”
Cronaca / Tragedia a Senigallia: padre e figlio muoiono travolti da un treno
Cronaca / Violento incendio a Pantelleria: turisti in fuga e case evacuate
Cronaca / Anzio, uomo picchia la moglie. La figlia di 10 anni chiama il 112