Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Dopo Livorno, anche a Ravenna i portuali bloccano le armi per Israele

Immagine di copertina
Credit: Pixabay

Gaza, porto di Ravenna in sciopero il 3 giugno: no consegna di armi a Israele

I sindacati dei lavoratori del porto di Ravenna hanno proclamato uno sciopero per il 3 giugno, giorno in cui è attesa una nave che dovrebbe imbarcare “uno o più contenitori di materiale ad uso bellicodestinati al porto israeliano di Ashdod.

I lavoratori “sentono la responsabilità morale di testimoniare l’impegno a favore della pace e si rifiutano di essere in qualsiasi modo complici di quel tragico conflitto“, hanno riferito le sigle sindacali. “Le segreterie provinciali di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti – si legge in una nota – sono venute a conoscenza che il giorno 3 giugno 2021 la nave Asiatic Liberty dell’armatore Zim, ormeggerà alle banchine in concessione alla società Tcr Spa per imbarcare, tra l’altro, uno o più contenitori di materiale ad uso bellico destinato al porto israeliano di Ashdod”.

“La possibilità che il materiale previsto al carico, nei prossimi giorni, al porto di Ravenna possa essere adoperato per alimentare una guerra – che ha già mietuto centinaia di vittime tra cui bambini, donne e anziani e migliaia di feriti, soprattutto civili – è altissima”, affermano i sindacati.

Viene quindi proclamato lo sciopero dei lavoratori della Cooperativa Portuale e dei lavoratori di Tcr Spa “per il giorno 3 giugno relativamente ed esclusivamente a qualsiasi operazione o pratica amministrativa relativa all’imbarco di container contenenti materiali bellici destinati a qualunque delle parti in causa dell’attuale conflitto tra Israele e la Striscia di Gaza“.

Il 3 giugno sarà organizzato anche un presidio di protesta nel parcheggio antistante l’ingresso del terminal. “Il mondo del lavoro e i lavoratori del porto di Ravenna vogliono contribuire, con questo atto concreto – spiegano i sindacati – alla ricerca di una soluzione al conflitto che crei le condizioni durature per la pace tra i popoli israeliano e palestinese e per il loro diritto a vivere pacificamente in un proprio Stato libero ed indipendente, mettendo fine ad una guerra che da decenni ha mietuto decine di migliaia di vittime innocenti”. Anche i portuali di Livorno, lo scorso 15 maggio, si sono opposti al carico di armi destinato a Israele per la nave Asiatic Island.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana
Roma / Transfer Service Rome: soluzione Top Class per spostamenti nella Capitale
Cronaca / È morta l’ultima figlia (illegittima) di Mussolini: chi era Elena Curti
Cronaca / Covid, intera famiglia stroncata dal virus: non erano vaccinati
Cronaca / No vax pentito scrive un libro: “Ho creduto di morire, spero di convincere i dubbiosi”
Cronaca / Fabio Fazio contro i no vax: “Disinformazione riempie ospedali, non si può dare spazio”
Cronaca / Bassetti: “Tutti prenderanno la variante Omicron entro l’inizio dell’estate”
Cronaca / Melandri scaricato da uno sponsor dopo le dichiarazioni sul Covid: “Prendiamo le distanze”
Cronaca / La previsione del capo di Pfizer: “L’attuale ondata di Covid-19 sarà l’ultima con le restrizioni”