Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

La denuncia sui social: “Ecco la gamba rotta negli scontri con le forze dell’ordine”

Sindacato | Usb | Gamba rotta | Proteste | Scontri con le forze dell’ordine

Una gamba rotta nel corso di scontri con le forze dell’ordine. È la denuncia rilanciata dal sindacato Usb, l’Unione Sindacale di Base, condividendo sulla sua pagina Facebook un’immagine che ha ottenuto una larga condivisione sul social network. L’organizzazione sindacale ha pubblicato l’immagine di un facchino dell’Iper, marchio della grande distribuzione, che sarebbe stato colpito dagli agenti nel corso delle tensioni (di cui abbiamo già parlato) scoppiate ieri mattina a Soresina, in provincia di Cremona.

Stando a quanto ricostruito dall’Usb, ieri i dipendenti della società Finiper (minacciati di licenziamento nonostante l’esistenza di un accordo che è stato sottoscritto alla prefettura di Cremona) hanno organizzato un presidio di fronte ai cancelli dei magazzini dell’azienda. Appeso a un filo sarebbe la sorte di 170 facchini, alcuni dei quali hanno deciso di protestare per la situazione lavorativa critica anche insieme ai figli.

gamba rotta lavoratore

“Questa – è poi il messaggio nel post Facebook rilanciato ieri dall’Unione Sindacale di Base, da Usb Logistica – è la gamba rotta di Mansour facchino dell’IPER iscritto a USB che ha ricevuto le attenzioni dei celerini impegnati a difendere la “legalità” dei padroni durante un picchetto. I facchini in lotta si spezzano, ma non si piegano. Purtroppo non è una battuta. Ho rispetto delle istituzioni Borghesi, ma un poliziotto che picchia un lavoratore licenziato continua sinceramente a farmi schifo”.

Della gamba rotta hanno parlato anche i media locali. L’operaio si chiama Mansùr Cankaya, ha 56 anni, è nato in Turchia ed è un facchino all’Iper di Soresina in sciopero con i colleghi dal 21 maggio. Ieri è stato ricoverato all’ospedale Maggiore di Cremona, e dal Pronto Soccorso ha parlato in un video a un compagno di lavoro.

Secondo la denuncia di Mansùr un carabiniere, avrebbe compiuto una mossa tipica delle arti marziali, un movimento a forbice, stringendo la sua gamba tra le proprie per poi sedercisi sopra. Il capo di gabinetto della Questura, invece, raggiunto telefonicamente, ha fatto sapere che il comunicato di ieri ha dato la versione corretta: l’operaio si sarebbe fatto male da solo, cadendo a terra senza subire alcuna violenza da parte delle forze dell’ordine, intervenute con Polizia, Carabinieri, Stradale, Guardia di Finanza e vigili.

L’Usb ieri ha diffuso le immagini delle cariche della Polizia. Nel filmato si vedono sia mezzi della Polizia che dei Carabinieri.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mugello, accertamenti della procura su precedente “fuga” del fratellino di Nicola
Cronaca / Monsignor Galantino contro Fedez: "O ignora le cose o è in malafede"
Cronaca / “Variante Delta sarà predominante ad agosto”. I focolai in Italia dalla Campania all’Emilia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Mugello, accertamenti della procura su precedente “fuga” del fratellino di Nicola
Cronaca / Monsignor Galantino contro Fedez: "O ignora le cose o è in malafede"
Cronaca / “Variante Delta sarà predominante ad agosto”. I focolai in Italia dalla Campania all’Emilia
Cronaca / Covid, ultime notizie.
Cronaca / Treviso, uccisa a coltellate mentre prendeva il sole: l’assassino si è costituito
Cronaca / Covid, oggi 951 nuovi casi e 30 morti: il bollettino del 23 giugno
Cronaca / Ddl Zan, il testo della nota ufficiale inviata dal Vaticano all’ambasciata italiana
Cronaca / Barbara D'Urso: "Ho paura, lo stalker è stato visto sotto casa mia"
Cronaca / Alessandra Mussolini a favore di adozioni gay e del ddl Zan: “Io e Luxuria ormai siamo amiche”
Cronaca / Consiglio di Stato annulla sentenza Tar e ordinanza sindaco: la produzione prosegue