Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Delitto Garlasco, Stasi chiede la revisione della sentenza: “Trovate prove decisive”

Immagine di copertina
Antonio Stasi Credits: ANSA

Delitto Garlasco, Stasi chiede revisione sentenza

La difesa di Alberto Stasi, condannato in via definitiva a 16 anni di reclusione per l’omicidio dell’allora fidanzata Chiara Poggi, uccisa il 13 agosto 2007 nella villetta di famiglia a Garlasco (Pavia), ha depositato oggi – martedì 23 giugno – una istanza di revisione della sentenza. Lo conferma Laura Panciroli, legale di Stasi dallo scorso dicembre.

L’avvocato, nominata nel dicembre scorso afferma che “per una completa rilettura della complessa vicenda processuale, finalizzata alla sua revisione”.  “Sono stati individuati – ha continuato la legale – e sottoposti al vaglio della competente Corte di Appello di Brescia elementi nuovi, mai valutati prima, in grado di escludere, una volta per tutte, la sua responsabilità”.

Per l’avvocato Panciroli, “le circostanze su cui era basata la sua condanna (le stesse, peraltro, sulle quali era stato prima, ripetutamente, assolto) sono ora decisamente smentite – dice -. Si è sempre dichiarato innocente e in molti hanno creduto che la verità andasse cercata altrove. Ora ci sono elementi anche per proseguire le indagini”.

Potrebbe così riaprirsi, se il giudice dovesse accogliere la richiesta, uno dei casi di cronaca nera rimasti più impressi nella memoria collettiva, nonostante siano passati 13 anni. Era il 13 agosto del 2007 quando la 26enne Chiara Poggi fu trovata morta nella casa di famiglia a Garlasco. Quasi subito le indagini si concentrarono sul suo fidanzato, Alberto Stasi, che era stato con lei ufficialmente fino alla sera prima dell’omicidio.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vertice del centrosinistra sul Quirinale, Letta: “Nessuna intesa sui nomi, ne parleremo con il centrodestra”
Cronaca / “In passato abitavo ai Parioli e avevo tre Ferrari”. La storia di Alberto che oggi vive per strada
Cronaca / Insulti a David Sassoli dopo la morte, denunciato noto attivista No Vax
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vertice del centrosinistra sul Quirinale, Letta: “Nessuna intesa sui nomi, ne parleremo con il centrodestra”
Cronaca / “In passato abitavo ai Parioli e avevo tre Ferrari”. La storia di Alberto che oggi vive per strada
Cronaca / Insulti a David Sassoli dopo la morte, denunciato noto attivista No Vax
Cronaca / Silvestri: “Covid come influenza? C’è il rischio di variante più feroce in autunno”
Cronaca / Covid, Ema frena sulla quarta dose. Studio Israele: “Parziale protezione contro Omicron”
Cronaca / Beppe Grillo, l’accusa della procura: “Ha veicolato le richieste di Moby ai politici”. Le pressioni in chat a Toninelli
Cronaca / Covid, oggi 228.179 casi e 434 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Lo studio: “Se tutti gli italiani si fossero vaccinati ci sarebbero stati 1.200 morti in meno”
Cronaca / Sassari, iniettata aria al posto dei vaccini: paura per 20 pazienti
Cronaca / Stretto di Messina, i no pass restano ancora bloccati (e spuntano gli scafisti)