Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Uccise il padre violento: niente processo per la 20enne Deborah Sciacquatori

Immagine di copertina
Credit: Facebook

Sono state archiviate le indagini a carico di Deborah Sciacquatori la ventenne di Monterotondo che il 19 maggio del 2019 uccise il padre per difendere la madre e la nonna dopo l’ennesima lite che si era scatenata in casa a causa delle condizioni del padre, rientrato ubriaco a casa, e che aveva aggredito le tre donne.

A deciderlo è stato il Gip di Tivoli che sancisce come si fosse trattato di “Legittima difesa”. Si legge in una nota della procura: “Non vi è dubbio alcuno dunque, sulla base dell’inequivoca costruzione dei fatti, che la ragazza si sia trovata di fronte a un pericolo imminente e attuale per la sua vita, per quella della madre e della nonna. Un pericolo derivante dall’escalation violenta della vittima, iniziata all’interno dell’appartamento e proseguita dopo aver interrotto la fuga delle donne e averle affrontate e aggredite”.

La ragazza era “terrorizzata per le aggressioni e sui danni e a quella di parenti”  e quindi “comprensibilmente e istintivamente ha prelevato il pugnale, di certo non immaginando di usarlo o tentando piuttosto di scappare di casa”. In un secondo momento “in cui vede in pericolo imminente la vita della madre e di se stessa compie il gesto solo per minacciare. Siamo, quindi, in presenza di una difesa proporzionata all’offesa”, riporta la Procura.

Deborah Sciacquatori: La ricostruzione dei fatti

Secondo le ricostruzioni e stando a quanto dichiarato dalla stessa ragazza, che raccontò tutto ai carabinieri di Monterotondo e al pm, il padre aveva passato la notte fuori e rientrato a casa ubriaco aveva cominciato a colpire la porta per farsi aprire. Entrato in casa aveva aggredito la compagna, la madre della donna e Deborah minacciando di ucciderle.

Insulti e aggressioni erano continuate fino a che le tre non avevano pensato di scappare di casa. Il padre le aveva inseguite e raggiunte e Deborah, per difendere sua madre, aveva estratto il coltello e nella colluttazione ferito mortalmente il padre.

LEGGI ANCHE:

1. “Papà perdonami, non doveva finire così. Ti voglio bene”: il drammatico racconto di Deborah 2. Monterotondo, tutto quello che c’è da sapere su Deborah e gli anni delle violenze subite dal padre

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 40enne violentata alla Garbatella: l’aggressore in fuga
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 40enne violentata alla Garbatella: l’aggressore in fuga
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Cronaca / Maltempo in Sicilia, trombe d’aria e fiumi di fango. Un autobus si ribalta
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Cronaca / Carminati e Buzzi condannati in via definitiva: la Cassazione rigetta il ricorso
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: l'algoritmo del ministero lascia i supplenti senza posto di lavoro
Cronaca / Svaligiato il ristorante dello chef Cannavacciuolo a Torino