Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Davide Ferrerio trasferito all’Ospedale di Bologna, è ancora in coma

Immagine di copertina

E’ ancora in condizioni gravi Davide Ferrerio, il giovane bolognese è finito in coma farmacologico dopo essere stato brutalmente pestato da un coetaneo a Crotone mentre era in vacanza. Ieri, lunedì 22 agosto, un velivolo dell’aeronautica militare lo ha trasportato all’Ospedale Maggiore di Bologna, nella sua città, perché ricevesse cure più specializzate. A permettere lo spostamento è stato il suo stato di salute, ancora grave ma abbastanza stabile da sopportare il viaggio.

Lo scorso 11 agosto sera Davide era in centro a Crotone, all’improvviso le telecamere di sorveglianza riprendono la fuga dall’aggressore e i pugni che hanno lasciato il giovane privo di sensi sul marciapiede. L’autore della violenza, originario di Colleferro, in provincia di Roma, è stato arrestato dalla Squadra Mobile anche grazie a diverse testimonianze. Si pensa che il movente sia stato uno sguardo di troppo da parte della vittima verso una ragazza che era in compagnia del responsabile. Gli inquirenti stanno usando le riprese e i cellulari della vittima e degli indagati per ricostruire l’accaduto.

Ci sono state manifestazioni di solidarietà con cori a lui dedicati dalla curva rosso-blu del Bologna, squadra amata da Davide, con un caloroso saluto dello stesso allenatore.

A Crotone la settimana scorsa si è svolta una fiaccolata spontanea con la famiglia della vittima. Il dolore della madre, nata e cresciuta a Crotone, si tramuta in un appello ai suoi concittadini: “Voglio dire ai cittadini di Crotone di denunciare. Di essere meno omertosi, di intervenire immediatamente quando si verificano degli episodi così gravi. Di non stare a guardare. Di agire, di non aspettare il peggio, perché in questa città si aspetta il morto: è sempre stata una città così, fin da quando ero bambina”.

“Adesso siete in tanti qua, in tanti siete venuti per mio figlio e vi ringrazio, perché mi state sostenendo”. Ha proseguito la donna “Però dovevate sostenere anche mio figlio quella sera, quando erano le 20.45, in pieno centro. E nessuno lo ha fatto. È stato visto correre, con uno che gli correva dietro. E nessuno ha detto: ‘Hei, fermati!’. Mio figlio non sarebbe in coma”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Meteo, caldo insopportabile sull’Italia: sarà il weekend più torrido dell’anno
Cronaca / Meteo, Italia divisa in due: temporali al Nord, caldo estremo sul resto della Penisola
Cronaca / Ecco il nascondiglio di Giacomo Bozzoli
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Meteo, caldo insopportabile sull’Italia: sarà il weekend più torrido dell’anno
Cronaca / Meteo, Italia divisa in due: temporali al Nord, caldo estremo sul resto della Penisola
Cronaca / Ecco il nascondiglio di Giacomo Bozzoli
Cronaca / Nascosto nel cassettone, l'arresto e le lacrime: così è stato trovato Giacomo Bozzoli
Cronaca / Giacomo Bozzoli è stato arrestato: si trovava nella sua villa di Soiano
Cronaca / Meteo, l'anticiclone africano non dà tregua
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Morto a soli 33 anni lo chef Marco Girotto: stroncato da un attacco d’asma mentre era al lavoro
Cronaca / Influencer nel mirino dell'Antitrust: i nomi dei creator coinvolti
Cronaca / Alto Adige, colpito dai carabinieri con il taser: muore per arresto cardiaco