Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Flatulenze al Tg1, la giornalista Mondini: “In ufficio non si respirava, i capi dissero ‘calci in c**o per chi non resta”

Immagine di copertina

Flatulenze al Tg1, la giornalista Mondini: “In ufficio non si respirava”

“In ufficio non si respirava, ma i capi ci obbligavano a stare lì”: è quanto denunciato dalla giornalista del Tg1 Dania Mondini costretta a condividere per punizione la stanza con una collega che aveva problemi di flatulenza ed eruttazioni.

Il caso, emerso di recente, ora si arricchisce di nuovi particolari. Secondo quanto rivelato dalla reporter, infatti, la Mondini non è stata la sola a ricevere lo stesso trattamento: anche i suoi colleghi Giuseppe Malara e Marco Valerio Loprete erano stati costretti a condividere la stanza con il redattore che aveva problemi di igiene personale.

“Lo Prete ha manifestato il suo disappunto al vice direttore Francesco Primotzich che gli ha suggerito di dire al redattore di lavarsi” ha dichiarato Dania Mondini nella denuncia presentata in un tribunale di Roma il 23 novembre 2018.

La vicenda diventa un caso all’interno del Tg1 tanto che viene indetta una riunione di redazione, il cui risultato, secondo quanto riferito dalla Mondini, è il seguente: “La direzione pretende che i redattori ordinari restino in stanza con quella persona che non si lava ed emette maleodoranti rumori corporei, dimenticando anche gli episodi di alcuni anni addietro quando lo stesso aveva costruito un dossier di cento pagine sulle abitudini dei colleghi”.

Non solo, la giornalista riferisce che Marco Betello, uno dei suoi superiori, avrebbe affermato che “Chi non sta nella stanza con il collega non lavora più”.

Quattro giorni prima, invece, Gaudenzi, un altro dei superiori della Mondini, avrebbe dichiarato che i “redattori che non stanno nella stanza con lui, come ha deciso il direttore, devono essere presi a calci in culo”.

La situazione peggiora fino a quando, il 4 luglio, “un’assistente di programma si avvicina al giornalista e quest’ultimo si lascia andare a rumorosi, ripetuti e maleodoranti emissioni corporee”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Banca Ifis presenta “Horse Power”, la serie di sculture di Nico Vascellari che entra nella collezione del Parco Internazionale di Scultura
Cronaca / La killer della mamma di Donato “Con mollica o senza” confessa: “L’ho uccisa io, ma non per soldi”
Cronaca / Lite tra Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì: la procura apre un'inchiesta
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Banca Ifis presenta “Horse Power”, la serie di sculture di Nico Vascellari che entra nella collezione del Parco Internazionale di Scultura
Cronaca / La killer della mamma di Donato “Con mollica o senza” confessa: “L’ho uccisa io, ma non per soldi”
Cronaca / Lite tra Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì: la procura apre un'inchiesta
Cronaca / Le prime parole di Roberto Baggio dopo la rapina: “Solo alcuni punti di sutura, ora resta da superare la paura”
Cronaca / No peace no panel: un nuovo standard per la comunicazione in tempo di conflitto
Cronaca / Capisce che il figlio ha stuprato una donna e lo denuncia: il ragazzo stava scappando in Spagna
Cronaca / È morta la nota psicologa Vera Slepoj: stroncata a 70 anni da un malore
Cronaca / Roberto Baggio rapinato nella sua villa durante Italia-Spagna
Cronaca / Lodi, incidente sul lavoro: operaio 18enne muore schiacciato in un incidente
Cronaca / Vaticano, mons. Viganò accusato di scisma: chiese le dimissioni di Papa Francesco