Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Scafati, Prof fa bendare alunna per interrogazione in Dad: “Così non sbirci”. Scoppia la bufera

Immagine di copertina

Prof fa bendare alunna per interrogazione in Dad: “Così non sbirci”. Scoppia la bufera

Una nuova polemica è scoppiata a Scafati, in provincia di Salerno, per via della Dad: un’alunna viene bendata per sostenere l’interrogazione da casa. La fotografia ha fatto immediatamente il giro del web. La studentessa in questione è del liceo classico Renato Caccioppoli alla quale è stato chiesto di essere bendata per poter sostenere un’interrogazione a distanza senza sbirciare su eventuali libri e quaderni. Il metodo è stato scelto dall’insegnante di latino e greco, un sistema estremo per accertarsi che gli alunni rispondessero alle domande senza barare.

A parlare di questo metodo estremo è stato Mariano Jodice, presidente del movimento civico “Prima i Cittadini”, che ha pubblicato la fotografia su Facebook spiegando: “La protagonista una liceale di Scafati, che sta affrontando un’interrogazione in Dad bendata e con mascherina. Manca solo che qualcuno le versi acqua sulla mascherina e siamo a Guantánamo. Spero che il dirigente del Liceo in questione intervenga per mettere fine a tali azioni vergognose e lesive per il benessere psico fisico di minori”.

In tanti hanno manifestato la propria indignazione sul web, dagli insegnanti ai genitori che non approvano il metodo scelto dall’insegnante di Scafati. Interviene anche il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, che chiede l’intervento dell’assessore regionale. “Ci saranno sicuramente altri metodi per evitare che i ragazzi, durante l’interrogazione, sbircino dal libro. Abbiamo presentato un’interrogazione all’assessore regionale per la Pubblica Istruzione, Lucia Fortini, per capire come sia potuto avvenire ciò e per chiedere di verificare se questo accade anche in altri istituti”, ha spiegato Borrelli.

Leggi anche:

1. “Mio padre positivo al Covid, al San Raffaele l’hanno lasciato 3 giorni in pronto soccorso con febbre a 40” / 2. Sgarbi a Fico che gli chiede di mettere la mascherina in Aula: “Fascista!”. E viene espulso | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lo sfogo della moglie di Soumahoro: "Ora basta, non sono Lady Gucci"
Cronaca / Un’auto data alle fiamme, poi gli spari: banditi assaltano portavalori nel nord della Sardegna | VIDEO
Cronaca / Muore in un incidente il giorno prima della laurea: è giallo sulla morte di Riccardo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lo sfogo della moglie di Soumahoro: "Ora basta, non sono Lady Gucci"
Cronaca / Un’auto data alle fiamme, poi gli spari: banditi assaltano portavalori nel nord della Sardegna | VIDEO
Cronaca / Muore in un incidente il giorno prima della laurea: è giallo sulla morte di Riccardo
Cronaca / Covid, Galli: “Stop alla quarantena dopo cinque giorni? I non vaccinati restano contagiosi più a lungo”
Cronaca / Puglia, disabile condannata a pagare 9.500 euro per un sit-in in sedia a rotelle
Cronaca / Genova, filonazismo e pedopornografia su Telegram: arrestati tre giovani
Cronaca / Caso Genovese, la vittima: “Corona voleva convincermi a raccontare tutto. Audio dell’incontro finito in tv”
Cronaca / “Mia figlia è stata violentata. State attenti”: la denuncia shock su Facebook
Cronaca / Sanità in crisi, madre chiede un prestito per curare la figlia: “Costretta a rivolgermi ai privati”
Cronaca / Rieti, 24enne scappa di casa e si suicida con la pistola del padre: gli avevano diagnosticato un principio di Sla