Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Scafati, Prof fa bendare alunna per interrogazione in Dad: “Così non sbirci”. Scoppia la bufera

Immagine di copertina

Prof fa bendare alunna per interrogazione in Dad: “Così non sbirci”. Scoppia la bufera

Una nuova polemica è scoppiata a Scafati, in provincia di Salerno, per via della Dad: un’alunna viene bendata per sostenere l’interrogazione da casa. La fotografia ha fatto immediatamente il giro del web. La studentessa in questione è del liceo classico Renato Caccioppoli alla quale è stato chiesto di essere bendata per poter sostenere un’interrogazione a distanza senza sbirciare su eventuali libri e quaderni. Il metodo è stato scelto dall’insegnante di latino e greco, un sistema estremo per accertarsi che gli alunni rispondessero alle domande senza barare.

A parlare di questo metodo estremo è stato Mariano Jodice, presidente del movimento civico “Prima i Cittadini”, che ha pubblicato la fotografia su Facebook spiegando: “La protagonista una liceale di Scafati, che sta affrontando un’interrogazione in Dad bendata e con mascherina. Manca solo che qualcuno le versi acqua sulla mascherina e siamo a Guantánamo. Spero che il dirigente del Liceo in questione intervenga per mettere fine a tali azioni vergognose e lesive per il benessere psico fisico di minori”.

In tanti hanno manifestato la propria indignazione sul web, dagli insegnanti ai genitori che non approvano il metodo scelto dall’insegnante di Scafati. Interviene anche il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, che chiede l’intervento dell’assessore regionale. “Ci saranno sicuramente altri metodi per evitare che i ragazzi, durante l’interrogazione, sbircino dal libro. Abbiamo presentato un’interrogazione all’assessore regionale per la Pubblica Istruzione, Lucia Fortini, per capire come sia potuto avvenire ciò e per chiedere di verificare se questo accade anche in altri istituti”, ha spiegato Borrelli.

Leggi anche:

1. “Mio padre positivo al Covid, al San Raffaele l’hanno lasciato 3 giorni in pronto soccorso con febbre a 40” / 2. Sgarbi a Fico che gli chiede di mettere la mascherina in Aula: “Fascista!”. E viene espulso | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Cronaca / Green Pass, i no vax Barillari e Cunial occupano gli uffici della Regione Lazio
Cronaca / Green Pass obbligatorio, ma i tamponi non bastano per tutti i lavoratori
Cronaca / I No Pass non fermano l'Italia: niente blocco a Trieste
Cronaca / Lo storico Emilio Gentile a TPI: “Sciogliere Forza Nuova? Attenzione all’effetto martirio”
Cronaca / Viaggio nella galassia No pass: “Non siamo tutti fascisti”
Cronaca / Lotta eversiva, affari oscuri e droga: chi sono i militanti di Forza Nuova che hanno assaltato la Cgil
Cronaca / Effetto Draghi: le stragi in mare non indignano più