Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Cucchi, si sono costituiti i due carabinieri condannati. D’Alessandro: “Non sono l’assassino”

Immagine di copertina

Cucchi, si sono costituiti i due carabinieri condannati. D’Alessandro: “Non sono l’assassino”

Si sono costituiti i due carabinieri condannati ieri per l’omicidio di Stefano Cucchi, a 13 anni dalla tragica morte del geometra romano. Dopo la decisione annunciata dalla Cassazione, Raffaele D’Alessandro e Alessio Di Bernardo si sono consegnati nel cuore della notte alla caserma Ezio Andolfato di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, sede del Carcere militare giudiziario. I colleghi hanno poi provveduto al loro trasferimento nella struttura penitenziaria casertana.

I due sono stati condannati a 12 anni per omicidio preterintenzionale, al termine di un lungo iter giudiziario. La morte di Cucchi, avvenuta il 22 ottobre del 2009 mentre era sottoposto a custodia cautelare, aveva inizialmente portato a un processo in cui erano imputati solo medici e agenti penitenziari. L’inchiesta che ha portato alla condanna dei due carabinieri è stata invece aperta nel 2015, su espressa richiesta dei familiari.

D’Alessandro e Di Bernardo si trovano adesso in isolamento sanitario, come previsto dal protocollo sanitario relativo al Covid-19. Trascorsi cinque giorni, se risulteranno negativi al tampone, saranno trasferiti in cella per scontare la loro pena.

“Sono amareggiato perché non sono l’assassino di Stefano Cucchi, ma rispetto la decisione dei giudici perché sono un carabiniere nell’animo”, ha riferito Raffaele D’Alessandro al suo difensore Maria Lampitella prima di costituirsi, secondo quanto riporta l’Ansa.

Secondo il procuratore generale di Cassazione invece, Cucchi subì dai due carabinieri “una punizione corporale di straordinaria gravità”, che 12 giorni dopo portò alla sua morte. “Tutte le persone che entrarono in contatto con lui dopo il pestaggio sono rimaste impressionate dalle condizioni del Cucchi: si tratta di un gran numero di soggetti tra i quali infermieri, personale delle scorte, detenuti, agenti di guardia. Davvero si può ritenere che questo numero impressionate di soggetti abbia congiurato contro i carabinieri?“, ha chiesto ieri il procuratore generale Tomaso Epidendio, prima della sentenza della Cassazione.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ferrero torna in libertà: “Questi sei mesi sono stati tremendi”
Cronaca / Malore in volo durante le riprese di un film: pilota atterra, ma muore poco dopo. Salvo il passeggero
Cronaca / Covid, oggi 9.820 casi e 80 morti: il bollettino del 23 maggio 2022
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ferrero torna in libertà: “Questi sei mesi sono stati tremendi”
Cronaca / Malore in volo durante le riprese di un film: pilota atterra, ma muore poco dopo. Salvo il passeggero
Cronaca / Covid, oggi 9.820 casi e 80 morti: il bollettino del 23 maggio 2022
Cronaca / Epatite acuta nei bambini, l’Italia è il Paese europeo con più casi. Oms indaga su legame adenovirus-Covid
Cronaca / “Sta ‘zoccoletta’ avrà quel che si merita”: studentessa insultata sui social da un professore per il suo abbigliamento
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, primo caso in Toscana: salgono a 4 i contagi registrati in Italia
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, la Spagna indaga sul Gay Pride delle Canarie: “Possibile focolaio d’Europa”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Oms: “Finora 92 casi in 12 Paesi, attesi altri contagi”
Cronaca / Ilaria Capua: “Peste suina? Un’emergenza annunciata per cui non esiste il vaccino”
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi