Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, a giugno mezza Italia pronta a passare in zona bianca: ecco le regioni interessate

Immagine di copertina
Credit: CC BY-SA

Anche Lombardia e Lazio sperano nella riduzione delle restrizioni

A giugno mezza Italia potrebbe ritrovarsi in zona bianca. Tutto grazie al miglioramento su base settimanale dei dati dell’epidemia di Covid, che potrebbe portare almeno 12 regioni a ridurre al minimo le restrizioni.

I primi territori a passare in zona bianca dovrebbero essere Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, il cui cambio di colore è previsto già martedì 1 giugno. La settimana successiva, a partire dal 7 giugno, dovrebbe poi toccare ad Abruzzo, VenetoUmbria e Liguria. A metà del prossimo mese invece potrebbero ridurre al minimo le restrizioni anche Lombardia, Emilia Romagna, LazioPiemonte e Puglia.

Le previsioni dei dati epidemiologici in queste regioni per la settimana tra il 20 e il 27 maggio indicano un’incidenza intorno ai 50 casi ogni 100mila abitanti, soglia sotto cui scatta il passaggio in zona bianca. Grazie alla riduzione progressiva dei casi di contagio, in un paio di settimane questi territori potrebbero riuscire a ridurre al minimo le restrizioni anti-contagio.

La preoccupazione del governo riguarda però il cosiddetto “effetto Sardegna“, che dopo essere passata in zona bianca a marzo registrò un aumento dei casi tale da determinare il ritorno in zona arancione e rossa. Per scongiurare il rischio di un repentino innalzamento delle restrizioni nelle regioni finite in fascia bianca sono al vaglio una serie di nuovi provvedimenti.

L’ipotesi della zona bianca rafforzata

In fascia bianca valgono solamente le norme di comportamento, ovvero l’obbligo di indossare la mascherina e di rispettare il distanziamento sociale e per arrivarci è necessario che un territorio registri un’incidenza inferiore ai 50 casi ogni 100mila abitanti per tre monitoraggi settimanali consecutivi. Proprio per evitare il cosiddetto “effetto Sardegna“, il governo e le regioni pensano a una zona bianca rafforzata.

Le nuove restrizioni entrerebbero in vigore qualora si registri un aumento dell’incidenza dei contagi che superi i 50 casi ogni 100mila abitanti, fissando il coprifuoco alle ore 24, introducendo l’obbligo di consumare soltanto seduti ai tavolini di bar e ristoranti all’aperto e senza sostare in piedi davanti ai locali e consentendo inoltre ai territori di rientrare in questa fascia senza dover aspettare necessariamente tre settimane, qualora i dati lo consentano. Queste misure saranno valutate oggi dalla Conferenza delle Regioni.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Cronaca / Sindacalista ucciso, il camionista ai domiciliari: “Non volevo investire nessuno”
Cronaca / Continua a diffondersi la variante Delta, ecco il test per riconoscerla
Cronaca / Nuoro: accoltellata dall’ex esce dal coma e cerca suo figlio, morto per salvarla
Cronaca / Galli: “Stato d’emergenza va mantenuto. Mascherine? Stupido farne battaglia di libertà”
Cronaca / L'Avis contro Enrico Montesano: "Non date retta alle fake news. I vaccinati possono donare il sangue"
Cronaca / "Saman ha cercato di scappare coi documenti". E il fratello della 18enne indica dov'è sepolta
Cronaca / La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio