Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Covid, Palù: “Il Covid può essere uscito dai laboratori cinesi”

Immagine di copertina

Covid, Palù: “Il Covid può essere uscito dai laboratori cinesi”

“Non abbiamo le prove che dimostrino inconfutabilmente come la pandemia abbia avuto origine”. Il microbiologo e virologo Giorgio Palù, presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), è tornato ad alimentare le polemiche sulle origini della pandemia, sostenendo in un’intervista a Il Corriere della Sera che “le autorità cinesi sono state reticenti” con le commissioni delle Nazioni Unite incaricate di indagare sulla provenienza di Sars-Cov-2.

“La verità sull’origine prossimale di Sars-CoV-2 potrebbe venire solo dalla Cina, dove il virus ha tratto origine”, ha detto Palù, che accredita la tesi di un passaggio del virus dall’animale all’uomo a causa un incidente avvenuto nel laboratorio dell’Istituto di virologia di Wuhan. “Credo si sia tentato di dimostrare in laboratorio quello che può avvenire in natura con una mutazione spontanea”, ha spiegato. “Per chiarire, quindi, quali condizioni siano necessarie e sufficienti perché un virus animale con potenziale pre-pandemico sia in grado di fare il salto di specie. Uno scopo nobile perseguito dalla ricerca scientifica in ambito di biologia evoluzionistica, per prevenire future emergenze pandemiche”, ha affermato Palù nell’intervista, parlando del suo ultimo libro in cui cerca di “spiegare le origini e l’evoluzione dei virus e di Sars-CoV-2”.

Secondo l’esperto, anche se siamo conoscenza dell’origine “distale” del nuovo coronavirus, originato dai pipistrelli “manca ancora la certa individuazione di un ceppo virale capace di infettare sia pipistrello che uomo”. “Per prevenire ulteriori spillover, è quindi importante conoscere anche l’origine prossimale, che spiega dove e come è avvenuta la ricombinazione genetica”, ha detto il presidente dell’Aifa, che ha elencato diverse ragioni, dal genoma del virus al mancato ritrovamento di un animale intermedio, per dubitare dell’ipotesi dello spillover naturale del virus.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Cronaca / Napoli, traghetto da Capri urta banchina: una trentina i feriti, uno in codice rosso
Cronaca / Marco Luis (“il bodybuilder più pompato di sempre”) è morto a 46 anni per cause ignote
Cronaca / Armato a San Pietro: arrestato a Roma super ricercato
Cronaca / Come si entra nei Servizi segreti? Ecco il bando per nuovi 007
Cronaca / In 2 anni 32.500 posti in meno negli ospedali italiani
Cronaca / Desenzano del Garda, multato per aver pulito la spiaggia del lago: parte la colletta
Cronaca / Fa retromarcia e investe il figlio di un anno: il piccolo Matteo muore dopo due giorni di agonia