Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Non si buttano le sigarette in mare”. Maresciallo dei carabinieri muore dopo una lite in spiaggia a Cosenza

Immagine di copertina
Antonio Carbone

Il maresciallo Antonio Carbone, 56 anni, è morto forse per un arresto cardiaco, dopo un vivace scontro verbale nella spiaggia di Paola (Cosenza) con una famiglia di bagnanti che aveva gettato in mare i mozziconi di sigaretta. Era il suo primo giorno di vacanza.

Il sottufficiale dell’Arma aveva rimproverato due di loro dicendo: “Non si buttano le cicche in acqua, ci sono i posacenere!“. I due avrebbero iniziato a inveire contro il carabiniere gridandogli parole offensive e ingiurie. Il maresciallo, a quel punto, si sarebbe anche qualificato nel tentativo di porre fine a quel diverbio che stava degenerando. Soltanto l’intervento di altri bagnanti avrebbe placato la discussione e Antonio Carbone sarebbe tornato dalla moglie sotto il suo ombrellone. Ad un certo punto il sottufficiale ha perso conoscenza, la moglie ha chiesto aiuto agli altri bagnanti che hanno tentato di rianimarlo. Carbone è morto durante il trasporto in ambulanza verso l’ospedale. Sarà ora l’autopsia a chiarire le cause del decesso. Antonio Carbone di origini calabresi prestava servizio al Nord, da anni in Piemonte, era in servizio alla tenenza di Ciriè.

“Non ero presente ma mi hanno raccontato quanto accaduto, ora si stanno controllando le telecamere e aspettiamo che ci dicano quando possiamo fare i funerali”, spiega il fratello Vincenzo, docente universitario di Fisica. “Quel che mi preme – ripete – è che si dica che mio fratello è morto mentre difendeva l’ambiente“, assicura. Vincenzo Carbone ha ricordato il fratello sui social. “Ieri 16 Agosto 2021 è morto un uomo, è morto un calabrese, è morto un maresciallo dei carabinieri di 56 anni. Un gesto da poco, un gesto banale, chiedere con gentilezza di non buttare rifiuti in mare. Ma l’ignoranza violenta e la protervia minacciosa hanno avuto la meglio“.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vita e carriera di Piero Angela, il padre della divulgazione scientifica
Cronaca / Salerno, accoltella la figlia lesbica insieme alla compagna perché rifiuta la loro relazione: “Così morite insieme”
Cronaca / Salento, la casa-vacanze è da incubo: il wc è in cucina | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vita e carriera di Piero Angela, il padre della divulgazione scientifica
Cronaca / Salerno, accoltella la figlia lesbica insieme alla compagna perché rifiuta la loro relazione: “Così morite insieme”
Cronaca / Salento, la casa-vacanze è da incubo: il wc è in cucina | VIDEO
Cronaca / Blocca il treno dell'alta velocità, scende e lancia sassi sull'autostrada
Cronaca / Sardegna, lo stabilimento non ha il Pos, l’influencer chiama la Finanza. Il proprietario: “Tanto sono 30 euro di multa”
Cronaca / Roma, scavano un tunnel sotterraneo, ma uno di loro resta bloccato
Cronaca / Evade dai domiciliari per andare in vacanza a Gallipoli e posta le foto su Instagram: arrestato
Cronaca / Arriva in India e non paga la tassa di soggiorno. Italiano arrestato, rischia 8 anni di carcere
Cronaca / Turiste francesi stuprate a Bari, il pm: “Scene da Arancia Meccanica”
Cronaca / Il geologo Tozzi invita Jovanotti a prendere una birra per discutere del Jova Beach Party