Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Locale chiuso per l’emergenza Coronavirus: l’emozionante e divertente video del pub romano

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 22 Apr. 2020 alle 20:09 Aggiornato il 22 Apr. 2020 alle 20:15
60
Immagine di copertina

Il Coronavirus in queste settimane non ha fatto sconti a nessuno e ha costretto negozi, ristoranti e pub a rimanere chiusi. Tante attività stanno vivendo giorni difficili. In molti però non hanno intenzione di mollare e sperano di tornare il prima possibile aperti al pubblico per rivivere le serate di un tempo che sembrano lontanissime. E’ il caso dei ragazzi del Pub Shamrock di Roma (non lontano dal Colosseo) che – in attesa di tornare ad ospitare centinaia di migliaia di giovani romani e turisti – hanno ideato, girato e montato un video che sta riscuotendo grande successo sui social. Il messaggio vuole essere quello di ricordare, dopo quasi due mesi di chiusura e soprattutto di isolamento, il piacere e la bellezza del divertimento e della socialità. “Una musichetta continua ad accompagnarci in questi giorni e un urlo risuona nelle nostre teste: Te quiero Diego!”, la didascalia del video postato su YouTube con il titolo “La mano de Dios in quarantena”.

Nelle immagini si vede uno dei titolari, Alessandro “Sandrone” Corbellini entrare nel locale – ovviamente chiuso e deserto – che inizia a sistemare e spazzare per terra sulle note della canzone “La mano de Dios” di Rodrigo Bueno. La canzone gli fa tornare in mente le serate passate nel locale pieno e festante al punto che si fa prendere la mano lanciandosi dal bancone come fatto in passato. Solo che questa volta, purtroppo, non c’è nessuno a sorreggerlo. “Ammazza che botta”, la battuta finale. Insomma, un video molto carino e ironico ma che infonde speranza per il futuro in cui, come sempre, bisognerà “affrontare le avversità desiderosi di guadagnarsi da vivere ad ogni passo”. In bocca al lupo Shamrock.

60
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.