Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, l’allarme dell’immunologo: “Col vaccino troppo in fretta rischio catastrofe”

Immagine di copertina
Credit: Arne Dedert/dpa

Coronavirus, l’allarme dell’immunologo: “Col vaccino troppo in fretta rischio catastrofe”

Un vaccino per il Coronavirus realizzato troppo velocemente potrebbe avere conseguenze catastrofiche. A sostenerlo è l’immunologo Douglas Green, vice direttore della rivista Science Advances, in un editoriale intitolato “Fast is slow and slow is fast” (“Veloce è lento e lento è veloce”). Secondo l’immunologo, “bypassare gli studi clinici per un potenziale vaccino contro Sars-CoV-2 sarebbe catastrofico”. L’ipotesi è stata sostenuta da chi punta a velocizzare il processo di approvazione dei vaccini, per consentire ai paesi di avere un’arma definitiva contro il Covid-19. Ma Green sostiene che nella ricerca scientifica, e in particolare nella messa a punto di un vaccino, vale la regola per cui “chi va piano va sano e lontano”, quindi “andare veloci sarebbe come rallentare, rallentare significa riuscire ad andare più veloci”.

Il rischio è quello di commettere qualche errore di dover poi ritornare sui propri passi. “È fondamentale prendersi del tempo per garantire la sicurezza e indagare sui potenziali effetti avversi”, avverto l’esperto. “Un vaccino in grado di innescare risposte anticorpali fortemente neutralizzanti nei test clinici senza test di sicurezza completi non sarà ancora pronto per l’implementazione diffusa”. Uno dei rischi, ad esempio, è che si verifichi il fenomeno dell’antibody-dependent enhancement (ADE), a causa del quale gli anticorpi legati al virus legarsi anche ai recettori per gli anticorpi delle cellule, facilitando in questo modo l’infezione. “Un fenomeno preoccupante osservato con i vaccini contro Dengue, Ebola, Hiv e coronavirus dei felini”, ricorda Green. “I test etici accelerati sull’uomo non devono essere esclusi completamente”, conclude l’immunologo, “La necessità di velocità è chiara, ma i rischi estremi devono essere valutati bene in confronto ai potenziali benefici”.

Leggi anche: 1. Vaccino anti-Covid, nel Lazio iniziano i test su 10mila persone /2. Rezza a TPI: “La terapia al plasma? Funziona ma non sostituisce il vaccino”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Cronaca / Vaccini, iniziata la somministrazione della terza dose per soggetti fragili e a rischio
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Cronaca / Morte Luana D’Orazio, la perizia della procura: “L’orditoio era stato manomesso”
Cronaca / 3.838 nuovi casi e 26 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Referendum contro il green pass, parte la raccolta firme