Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Coronavirus, la pazza fuga da Milano di migliaia di persone in preda al panico per la Lombardia ‘chiusa’: treni presi d’assalto

Fuorisede, pendolari e lavoratori: moltissimi cittadini si stanno organizzando per lasciare frettolosamente la Lombardia, in preda alle notizie secondo cui il governo dovrebbe varare misure fortemente restrittive volte a contenere il contagio dal Coronavirus. Tra i provvedimenti proposti anche la possibilità che venga vietato l'ingresso e l'uscita dalla Lombardia e altre 11 province italiane (salvo casi di emergenza), oltre alla chiusura delle scuole in queste aree, e lo stop ad attività come musei, teatri, sport all'aperto, matrimoni e funerali

Di Redazione TPI
Pubblicato il 8 Mar. 2020 alle 00:37 Aggiornato il 9 Mar. 2020 alle 13:54
670k

Coronavirus Lombardia chiusa: fuga da Milano, stazione treni prese d’assalto

Fuorisede, pendolari e lavoratori: moltissimi cittadini si stanno organizzando per lasciare frettolosamente la Lombardia, in preda alle notizie secondo cui il governo dovrebbe varare misure fortemente restrittive volte a contenere il contagio dal Coronavirus. Tra i provvedimenti proposti anche la possibilità che venga vietato l’ingresso e l’uscita dalla Lombardia e altre 11 province italiane (salvo casi di emergenza), oltre alla chiusura delle scuole in queste aree, e lo stop ad attività come musei, teatri, sport all’aperto, matrimoni e funerali 

In preda alle notizie circolate sulla stampa e anticipate da diversi media secondo cui il governo dovrebbe varare una serie di provvedimenti fortemente restrittivi nei confronti della Lombardia e di altre 11 province italiane per limitare il contagio da Coronavirus, si sta diffondendo il panico tra moltissimi cittadini, specie giovani, intimoriti di rimanere bloccati nella regione blindata. Il decreto legge non è ancora stato firmato dal Presidente del Consiglio, ma potrebbe limitare lo spostamento, e vietare l’ingresso e l’uscita, dalla Lombardia e da altre 11 province. Qui abbiamo spiegato tutto nel dettaglio.

Così le stazioni dei treni di Milano Centrale e Milano Garibaldi sono state prese d’assalto. Qui il video dalla stazione Garibaldi . Non solo da Milano: tanti infatti anche coloro che, temporaneamente all’estero, si stanno organizzando per capire se riusciranno a rientrare in Lombardia per raggiungere casa. Va anche aggiunto che la Gazzetta Ufficiale di oggi, n. 58 del 7/03/2020, è stata pubblicata senza i DPCM. Questo significa che potrebbero entrare in vigore non prima di lunedì. Ma si attendono conferme in tal senso.

Le ultime notizie: sono almeno due i decreti del presidente del Consiglio che il governo dovrebbe adottare nelle prossime ore per contenere il contagio da Coronavirus. Il primo riguarda le aree dove più alto è il numero dei contagiati, limitando anche la mobilita’: la regione Lombardia e le province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti e Alessandria. Il secondo dpcm riguarda invece tutto il territorio nazionale e irrigidisce le disposizioni finora adottate, confermando per ora la chiusura delle scuole fino al 15 marzo, e introducendo nuove restrizioni come la sospensione dell’attività di pub, sale giochi e discoteche.

Nella bozza del decreto legge del governo, in attesa che venga varato, emerge il divieto in ingresso e in uscita dalla Lombardia e da altre 11 province italiane: Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti e Alessandria. • In queste stesse aree le scuole saranno chiuse fino al 3 aprile. [qui tutti i dettagli] • Il governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana ha definito “pasticciata” la bozza del decreto legge del governo, pur andando nella direzione giusta. Qui di seguito il commento su Twitter dell’ex direttore di Repubblica Mario Calabresi:

Le critiche dei Governatori: “Se il decreto venisse approvato cosi’ noi comunque presenteremmo un provvedimento da parte del nostro comitato scientifico di supporto all’unita’ di crisi per argomentare rispetto alla creazione delle tre zone in Veneto, Venezia, Padova e Treviso”. Lo dice all’ANSA il governatore Zaia. “A noi sta a cuore prima di tutto la salute dei cittadini, ma per applicare un decreto bisogna che le norme siano chiare. Abbiamo visto questo provvedimento all’ultimo minuto, non abbiamo partecipato alla redazione preventiva e ci chiedono di confermarlo nel giro di breve: e’ letteralmente impossibile”.

“Abbiamo ricevuto solo tre ore fa dal  Ministero della Salute la bozza dei due nuovi Dpcm con le misure  ulteriormente restrittive anti-Coronavirus. Talune di queste  prefigurano agli occhi di molti la possibile introduzione di una grande ”zona rossa”, estesa dalla Lombardia a diverse province  dell’Emilia-Romagna, del Veneto, del Piemonte e delle Marche. Non è  propriamente così, ma alcune parti del provvedimento possono risultare di dubbia interpretazione e domani di difficile applicazione”. Lo  sottolinea il Governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, su  Facebook. “C’è addirittura chi ci sta chiedendo se lunedì potrà recarsi o meno  al lavoro o se verrà introdotto il fermo produttivo. Ben comprendendo  che queste nuove limitazioni sono dettate da indicazioni  imprescindibili del Comitato tecnico-scientifico e condividendo  l’obiettivo di contenere con ogni mezzo la diffusione del virus,  riteniamo necessario poter meglio valutare la coerenza dei  provvedimenti, che impattano peraltro in modo disomogeneo sul nostro  territorio regionale. Per queste ragioni – dice Bonaccini – ho chiesto al presidente Conte e al ministro Speranza, in una logica di leale  collaborazione, di poter lavorare ancora alcune ore per addivenire  alle soluzioni più coerenti e condivise”.

Coronavirus Stazione Milano Video

670k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.