Covid ultime 24h
casi +8.561
deceduti +420
tamponi +143.116
terapie intensive +21

Coronavirus, il sindaco di Messina De Luca invia i droni contro chi viola i divieti: “Dove ca**o vai”

Il video pubblicato sui social è diventato subito virale: "Torna a casa!"

Di Antonio Scali
Pubblicato il 25 Mar. 2020 alle 09:50 Aggiornato il 25 Mar. 2020 alle 09:52
6.3k

Coronavirus, il sindaco De Luca invia i droni contro chi esce senza permesso: “Dove ca..o vai” | VIDEO

In questi giorni, dopo l’approvazione delle nuove stringenti misure da parte del governo per arginare l’emergenza Coronavirus, i sindaci di tutta Italia sono chiamati a controllare che nelle loro città le norme vengano rispettate da tutti. Solo restando a casa e limitando i contatti, infatti, si può sperare di contenere i contagi da Covid-19.

Se la stragrande maggioranza degli italiani sta rispettando queste misure restrittive, c’è ancora una parte della popolazione che tende a uscire senza motivi validi. Se il presidente della Campania Vincenzo De Luca ha minacciato in un video di inviare a casa i poliziotti con il lanciafiamme in caso di feste di laurea in casa, il suo omonimo Cateno De Luca, sindaco di Messina, è in qualche modo passato ai fatti, realizzando un altro video diventato virale.

Il sindaco ha infatti acquistato dei droni per controllare meglio la sua città. Al loro interno, oltre alla telecamera, anche una voce registrata, quella di De Luca stesso, con un messaggio piuttosto colorito tramite il quale invita la gente a restare a casa. “Dove ca**o vai? Torna a casa! A calci in cu*o! Non si esce da casa. Questo è l’ordine del sindaco De Luca e basta!”. Il video con la presentazione dell’iniziativa è stato postato sulla pagina Facebook del primo cittadino messinese.

Leggi anche: 1. Coronavirus, approvato il nuovo decreto Conte del 24 marzo: cosa prevede / 2. “Ecco quando finirà l’epidemia di Coronavirus in Italia”: la verità in un’analisi sui dati / 3. Coronavirus, parla la fidanzata di Rugani della Juve: “Il tampone? Sono venuti a farmelo a casa. Nessuna via preferenziale, il trattamento è uguale per tutti” (di Giulio Gambino)

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

6.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.