Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Coronavirus, in Lazio record di casi dall’inizio della pandemia: 215 nelle ultime 24 ore

Immagine di copertina
Tamponi per il Covid-19 in modalità drive-in, presso il Santa Maria della Pietà dell'ASL Roma 1, Roma, 21 agosto 2020. Credit: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Nelle ultime 24 ore in Lazio sono stati registrati 215 nuovi casi di positività al Coronavirus: si tratta del record di contagi giornalieri in regione dall’inizio della pandemia. Non si segnala nessun decesso, mentre la maggior parte dei nuovi casi – il 61 per cento – riguarda persone rientrate in Lazio dall’estero e da altre aree dell’Italia (97 contagi di rientro dalla Sardegna). Il precedente record regionale era di 208 contagi in un giorno ed era stato toccato il 28 marzo, circa cinque mesi fa.

I nuovi casi “sono in prevalenza giovani e asintomatici”, sottolinea l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “In questa fase il tema non sono né le ospedalizzazioni, né le terapie intensive, che sono assolutamente sotto controllo e non danno alcuna preoccupazione, ma bloccare tempestivamente le catene di trasmissione rintracciando gli asintomatici ed evitare che venga diffuso il virus in ambito familiare”.

“Rivolgo un appello ai giovani”, prosegue l’assessore. “Fate attenzione soprattutto ai vostri familiari e alle persone più care e, se siete in attesa dell’esito del referto, è opportuno rimanere isolati e non avere frequentazioni. Non sentitevi invincibili, perché il virus è subdolo e può creare seri problemi a voi e i vostri cari”.

D’Amato spiega che nei drive-in dove si eseguono i tamponi si lavorerà sia il sabato che la domenica a pieno regime: “Dico sin da subito, se ci sono delle file da fare, di avere pazienza perché i nostri operatori sanitari stanno facendo uno sforzo straordinario con le tute a 40 gradi per la tutela della salute di tutti. Così come oggi c’è un’attesa di tre ore per il controesodo da Messina, chiedo comprensione per un’attesa che ha come scopo la tutela della salute di tutti”.

Leggi anche: 1. Coviddi (non) ce n’è: la crociata negazionista degli anti-virus (di G. Gambino) / 2. Coronavirus, in Italia contagi aumentati del 141% nell’ultimo mese. Cartabellotta (Gimbe): “Preoccupati”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 40enne violentata alla Garbatella: l’aggressore in fuga
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 40enne violentata alla Garbatella: l’aggressore in fuga
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Cronaca / Maltempo in Sicilia, trombe d’aria e fiumi di fango. Un autobus si ribalta
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Cronaca / Carminati e Buzzi condannati in via definitiva: la Cassazione rigetta il ricorso
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: l'algoritmo del ministero lascia i supplenti senza posto di lavoro
Cronaca / Svaligiato il ristorante dello chef Cannavacciuolo a Torino