Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Il primo concorso Fast Track per 2.800 assunzioni al Sud nella Pubblica Amministrazione: cosa prevede il bando e come candidarsi

Immagine di copertina
Credit: Ansa

È il primo bando Fast Track: si cercano 2.800 tecnici al Sud

Al via al primo concorso lampo promosso dalla Pubblica Amministrazione al Sud. Il bando per l’assunzione di 2,800 tecnici nelle amministrazioni del Mezzogiorno è stato pubblicato ieri, martedì 6 aprile, nella sezione concorsi ed esami sulla Gazzetta ufficiale. “È la prima sperimentazione di selezioni fast track nella Pubblica amministrazione”, afferma il ministro della Pa, Renato Brunetta.

“Abbiamo stabilito un cronoprogramma serrato: 100 giorni dalla pubblicazione del bando all’assunzione. Semplificazione e rapidità, in piena sicurezza, sono le parole d’ordine con cui mettiamo al centro della ripresa il capitale umano pubblico”, sottolinea.

Il bando per assunzioni al Sud 2021 prevede un concorso per 2.800 tecnici, che saranno assunti a tempo determinato (non più di 36 mesi) presso diverse PA in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. La selezione avverrà in soli 100 giorni dalla pubblicazione del bando attraverso una procedura semplificata e digitale.

Profili professionali 
Si tratta della prima sperimentazione di selezioni fast track nella PA per trovare i profili professionali in grado di supportare l’attuazione dei progetti legati al Recovery Plan: tecnici ingegneristici, progettisti, amministrativi giuridici, ma anche process data analyst sono alcune delle figure richieste.

La candidatura entro 15 giorni
Da ieri, giorno della pubblicazione del bando, ed entro i successivi 15 giorni sarà possibile presentare la propria candidatura sulla piattaforma digitale “Step One 2019“, gestita dal Formez, per partecipare alle procedure che permetteranno l’assunzione rapida a tempo determinato (massimo 36 mesi) di 2.800 tecnici qualificati, chiamati a supportare le amministrazioni pubbliche di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia nell’attuazione dei progetti del Recovery plan.

Requisiti
Il bando è rivolto a laureati e sono ammesse tutte le lauree. Saranno valutate le esperienze specifiche dei candidati nei profili professionali da coprire.

La prima graduatoria pubblicata per maggio e la prova scritta a giugno. 
Una prima graduatoria di circa 8.400 candidati idonei sulla base dei titoli sarà pronta per maggio, mentre la prova scritta in modalità telematica, differenziata per i cinque profili, si svolgerà nel mese di giugno.

A luglio si chiude tutto
Le procedure dovranno concludersi entro 100 giorni dal bando, dunque entro il mese di luglio, con la pubblicazione delle graduatorie di vincitori e idonei e l’avvio delle procedure di assunzione.

Primo concorso con mascherina e tampone
Il concorso si svolge nel rispetto del nuovo Protocollo per lo svolgimento dei concorsi pubblici, validato dal Cts a fine marzo. I presenti sono obbligati a indossare la mascherina Ffp2 e di effettuare il tampone nelle 48 ore precedenti la prova. Stesse regole valgono per i vaccinati. Orari scaglionati. “Scaglionare gli orari di presentazione dei candidati al fine di evitare assembramenti in prossimità e all’interno dell’area concorsuale e, ove possibile, organizzeranno lo svolgimento delle prove pratiche in spazi aperti”.

Concorso con la nuova modalità “fast track” senza carta e penna
È il primo concorso che si svolge con la procedura di selezione “Fast track”, senza carta e penna. La prima selezione automatica avviene sulla base dei titoli attraverso la piattaforma “Step One 2019”. Il secondo step è la prova scritta diversa per ciascun profilo, con test a risposta multipla da svolgersi a giugno in apposite sedi decentrate (per limitare al massimo gli spostamenti tra Regioni) in modalità digitale (pc/tablet, quindi senza carta e penna).

Come si svolge il concorso: prove e punteggi 
I candidati dovranno rispondere a 40 quesiti in 60 minuti. Il punteggio massimo sarà di 30 punti, il minimo di 21/30. Lo svolgimento della prova avverrà nel pieno rispetto della trasparenza della procedura e del principio dell’anonimato. Il sistema attribuirà i risultati (in forma anonima) dei questionari ai nominativi dei candidati. Seguiranno la pubblicazione delle graduatorie e le assunzioni.

Leggi anche: Recovery Plan, concorso per 2.800 tecnici al Sud: assunzioni entro 3 mesi

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Alessandro Barbero contro il Green Pass: "Così la sinistra si piega ai padroni"
Cronaca / Rt ancora in calo in Italia, lieve diminuzione di ricoveri e terapie intensive
Cronaca / È arrivato il numero 1 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Alessandro Barbero contro il Green Pass: "Così la sinistra si piega ai padroni"
Cronaca / Rt ancora in calo in Italia, lieve diminuzione di ricoveri e terapie intensive
Cronaca / È arrivato il numero 1 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 5.117 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 1,7%
Cronaca / Covid, Bassetti: “La pandemia potrebbe finire entro la prossima primavera”
Cronaca / Gimbe: "In ospedale quasi esclusivamente non vaccinati"
Cronaca / Cecilia Strada denuncerà chi ha diffuso fake news sul padre: "Con i vostri soldi finanzierò i soccorsi in mare"
Cronaca / Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori: via libera in Cdm
Cronaca / Russia, Putin in isolamento: "Positive decine di persone nel mio entourage"
Cronaca / Paracetamolo, plasma iperimmune, anticorpi monoclonali: le risposte ai dubbi sulle terapie anti-Covid