Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Chi torna in smart working nelle aziende pubbliche e private

Immagine di copertina

Per alcuni si tratta di un ritorno, per altri è ormai un’abitudine: lo smart working (o lavoro agile) fa parte della nostra vita e con l’incredibile salita dei contagi delle ultime settimane, la strada sembra segnata. Per il settore privato, in queste ore si ipotizza una quota prestabilita massima di “lavoro da casa”, fino alla metà di febbraio. Ridurre di un terzo le presenze, l’effetto sarebbe imponente anche per quel che riguarda i mezzi pubblici, che sarebbe decongestionati. Non un dettaglio. Ma anche nel pubblico le cose si muovono.

Secondo Repubblica, Palazzo Chigi sta pensando a provvedimenti che incoraggino il ricorso allo smart working finché durerà l’emergenza. Il governo adotterà delle misure nel Consiglio dei ministri di domani 5 gennaio: i rumors parlano di raccomandazioni e indicazioni a favore del lavoro agile, ma solo per il settore privato.

Molte sono le aziende che hanno chiesto ai dipendenti di non tornare in ufficio dopo la pausa natalizia: “Io l’ho comunicato prima di Natale – dice a Repubblica romano Federico Capeci, amministratore delegato della sede italiana di Kantar, multinazionale della consulenza perché così, se qualcuno fosse tornato dai genitori o si fosse trasferito nella seconda casa avrebbe avuto tutto tempo di organizzarsi. L’ufficio rimane aperto: meglio un ambiente sanificato che lavorare in un bar o in un posto qualsiasi, ma la forte raccomandazione è lavorare da casa”.

Nella pubblica amministrazione le cose si muovono in ordine sparso: alcune sigle, come la Fp Cgil e la Uilpa, si sono rivolte alle singole amministrazioni, mentre altre, come Confintesa, Confsal, Covirp, Flepar e Flp hanno inviato appelli al ministro della Pa Renato Brunetta e al premier Mario Draghi.

Il Consiglio di Stato in una direttiva del Segretario generale ha confermato le regole emergenziali fino al 31 marzo prossimo. Si tratta di un lavoro agile per tre giorni alla settimana, con l’eccezione dei «lavoratori fragili» che possono superare questo limite su indicazione del medico.

Al ministero dell’Economia, quasi 10mila dipendenti, è stato alzato da 6 a 8 il limite delle giornate in lavoro agile al mese, con la possibilità di arrivare a 10 per alcune categorie di lavoratori. L’agenzia delle Entrate ha firmato da tempo un accordo con i sindacati per l’uso più ampio possibile del lavoro a distanza, considerato modalità «ordinaria» per i lavoratori fragili. Al Comune di Roma il lavoro agile è stato mantenuto per il back office oltre che per i fragili, e da Nord a Sud Comuni grandi e piccoli tornano a spingere su questo tasto.

La richiesta del ritorno al lavoro agile è stata messa sul tappeto dai sindacati già da alcuni giorni, insieme alla crescita dei contagi. Anche perché ora ci sono regole condivise che potrebbero essere applicate. “Si tratta ovviamente di una soluzione temporanea, già sperimentata con successo e riproponibile oggi con i necessari miglioramenti – afferma il segretario della Uil Pubblica Amministrazione, Sandro Colombi – A differenza del passato (marzo 2020) oggi le amministrazioni hanno a disposizione strumenti normativi e contrattuali molto più efficaci per gestire con flessibilità e intelligenza l’organizzazione del lavoro da remoto”. La richiesta è rivolta alle diverse amministrazioni: prendano presto provvedimenti in questo senso.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”