Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

È morto Cesare Romiti, ex amministratore delegato e presidente della Fiat

Immagine di copertina

È morto Cesare Romiti, manager che ha fatto la storia dell’economia italiana

È morto all’età di 97 anni Cesare Romiti, manager e imprenditore che ha contribuito a fare la storia dell’economia italiana. Il suo nome è legato indissolubilmente alla Fiat di cui è stato amministratore delegato e presidente. Romiti approda all’azienda automobilistica di proprietà della famiglia Agnelli nel 1974, in piena crisi petrolifera, e dopo aver ricoperto, tra le altre cose, il ruolo di direttore generale e amministratore delegato della compagnia aerea Alitalia. Sponsorizzato da Enrico Cuccia, Romiti riesce a far assicurare liquidità alla compagnia italiana grazie all’operazione che vede protagonista la Lybian Arab Foreign Bank, che acquista il 10% della Fiat, investendo circa 360 miliardi di lire e pagando le azioni a un prezzo quadruplo rispetto alle quotazioni di Borsa.

Nel 1980 assume la carica di amministratore delegato del gruppo Fiat con Gianni e Umberto Agnelli che fanno un passo indietro, restando semplici azionisti. Romiti annuncia il licenziamento di 14.000 dipendenti, provocando la reazione dei dipendenti del gruppo automobilistico che il 14 ottobre del 1980 sfilano per le vie di Torino in quella che passerà alla storia come la “marcia dei quarantamila”. Subito dopo la Fiat riprende a fare utili, compra l’Alfa Romeo, la Rizzoli e il Corriere della Sera, aumenta gli investimenti e riduce il numero dei dipendenti, sestuplicando in fabbrica il numero dei robot. Nel 1987, la Fiat ha un fatturato proiettato verso i 40.000 miliardi di lire, cosa che fa dell’azienda torinese il secondo gruppo italiano, dietro all’Iri.

Gli anni Novanta sono tutt’altro che rosei: la Guerra del Golfo provoca un calo delle vendite delle auto e l’azienda e il marchio Fiat scende in Italia sotto il 40% e scivola al 10% in Europa. Lo scoppio di Mani Pulite coinvolge anche Romiti che nel 1993 viene interrogato a lungo dal pool di Milano e poi dai magistrati torinesi. Nel 1996 Gianni Agnelli passa la presidenza proprio a Romiti, il quale diviene il secondo presidente non appartenente alla famiglia Agnelli, che la mantiene fino al 1998.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Cronaca / La raccolta fondi di Cliomakeup e Operation Smile Italia per malformazioni cranio-maxillo-facciali è già sold out
Cronaca / Cannabis terapeutica, Costa: “Presto prodotta anche da privati”
Cronaca / Nasce Kebhouze, la nuova catena di kebab di Gianluca Vacchi
Cronaca / Il 3 dicembre la Convention “Il Mondo Nuovo – La Ripartenza”. La presidente della Fondazione Guido Carli: “Viviamo un nuovo inizio”
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”